Unaitalia: bene la risoluzione su timbratura uova in allevamento, più trasparenza lungo la filiera nell’interesse di operatori onesti e consumatori

Unaitalia accoglie con favore la discussione della risoluzione 7-00064Iniziative in materia di marchiatura delle uova” presentata dall’Onorevole Gianpaolo Cassese in Commissione Agricoltura della Camera.
Questa risoluzione costituisce una misura fortemente voluta dalle Aziende produttrici di uova associate ad Unaitalia, come già espresso nell’incontro del 18 ottobre scorso con il Ministro Gian Marco Centinaio, poiché mira a rendere obbligatoria la timbratura delle uova direttamente in allevamento, mentre attualmente questa avviene al centro di imballaggio, con il rischio concreto, già accertato in passato dai controlli delle autorità competenti che vengano classificate in modo fraudolento uova sia in relazione all’origine del prodotto che alla tipologia di allevamento.
Per rispettare i nuovi requisiti di timbratura saranno necessari investimenti da parte degli allevatori; tuttavia il settore è consapevole che questa strada garantirà una tracciabilità delle uova ancora più capillare di quanto non sia attualmente e, di conseguenza, una maggiore sicurezza e disponibilità di informazioni per il consumatore.
Inoltre, questa modifica del Decreto ministeriale 11 dicembre 2009, non avrà alcun impatto sui piccoli produttori, già esclusi per legge dall’obbligo di timbratura delle uova a fronte di alcuni limiti nella commercializzazione, garantendo così anche a questa importante parte del settore di produzione delle uova  di rimanere sul mercato.