Carni avicole

Alla fine degli anni ‘50 si producevano in Italia meno di 100.000 tonnellate di carne di pollame; in un anno, in media, ogni italiano mangiava solo 24 kg di carne dei quali poco più di 2 erano pollame; il valore della produzione era allora (a valori attuali) di poco superiore agli 800 miliardi di lire; negli allevamenti avicoli lavoravano circa 2.500 persone.

Nel 2020, la produzione italiana di carni avicole è stata pari a 1.389.900 tonnellate (+1,8% rispetto al 2019); il consumo pro capite si è attestato a 21,55 kg.

L’Italia è largamente autosufficiente per quanto riguarda l’approvvigionamento di carni avicole, risultando complessivamente autosufficiente al 107,5%.

In Europa l’Italia si conferma il quinto produttore di carni avicole dopo Polonia, Germania, Francia e Spagna, una posizione che, secondo gli esperti, dovrebbe diventare quarta nel 2021, scavalcando la Spagna.

Iscriviti alla newsletter
ISCRIVITI
close-link
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER