Uova prodotte per estrarre un medicinale salvavita

Alcuni scienziati giapponesi hanno modificato geneticamente alcune galline le cui uova contengono medicinali in grado di combattere gravi malattie, tra cui il cancro e la sclerosi multipla.

Come riporta l’edizione inglese di Yomiuri Shimbun, i ricercatori dell’Istituto Nazionale di Scienza e Tecnologia Industriale Avanzata, in collaborazione con la società farmaceutica Cosmo Bio, hanno infatti introdotto geni che producono interferone beta in alcune cellule considerate precursori dello sperma del pollo,. Le cellule sono poi state usate per fertilizzare uova e creare galline che ne ereditano i geni: questo significa che le galline sono state in grado di deporre le uova contenenti l’agente che combatte questo genere di malattie.

Gli scienziati hanno attualmente a disposizione tre galline, che giornalmente depositano uova che contengono questa sostanza. La produzione sicura di interferone beta, un tipo di proteina utilizzata per curare le malattie, potrebbe tagliare massicciamente il prezzo del farmaco, che è di circa 888 dollari per pochi microgrammi.

Mika Kitahara, portavoce di Cosmo Bio, ha dichiarato alla CNN che se ulteriori test confermassero il successo di questa tecnologia, allora sarebbe possibile una riduzione del prezzo dei farmaci contro il cancro di almeno il 90%. La produzione convenzionale di interferone ha bisogno di grandi strutture sterili, ma le uova lavorano come un sistema asettico.

Sono ovviamente necessarie ulteriori ricerche e la proteina beta dell’interferone dovrà essere sottoposta a test di sicurezza prima di essere utilizzata per il trattamento dei pazienti. Il professor Helen Sang dell’Istituto Roslin dell’Università di Edimburgo ha poi affermato che non è particolarmente semplice modificare le galline per ottenere forniture infinite di interferone beta. “Ora è necessario dimostrare che il farmaco estratto dalla uova è esattamente uguale a quello utilizzato in tutti i test clinici“.

Fonte Poultry World