Una cellula immunitaria del pollo aumenta la suscettibilità alla malattia di Marek

Gli scienziati del Pirbright Institute hanno identificato nei polli un tipo di cellula immunitaria che sarebbe coinvolta nello sviluppo della malattia di Marek.

Il virus della malattia di Marek (MDV) è altamente contagioso e causa nei polli linfomi e immunosoppressione. La sua capacità di annullare le risposte immunitarie è uno dei motivi per cui il virus rappresenta per l’industria avicola una vera e propria minaccia, dato che impedisce il recupero e rende gli animali maggiormente suscettibili alle infezioni secondarie.

In un recente studio pubblicato su PLOS Pathogens, i ricercatori del Gruppo di immunologia aviaria hanno dimostrato un’associazione tra il numero di queste nuove cellule immunitarie, note come linfociti soppressori, e la suscettibilità alla formazione del linfoma. I risultati confermano anche che l’infezione con il virus della malattia di Marek aumenta il numero di linfociti soppressori, che sono in grado di sopprimere la risposta immunitaria del pollo.

Il dottor Shahriar Behboudi, capo del gruppo di ricerca ha spiegato che “alcuni virus sfruttano le cellule immunitarie per eludere le normali difese dell’ospite. Abbiamo scoperto che il virus della malattia i Marek può modulare le risposte immunitarie attivando i linfociti soppressori, contribuendo così all’immunosoppressione e alla formazione del linfoma“.

Gli scienziati hanno anche notato che le cellule del linfoma hanno caratteristiche simili ai linfociti soppressori, nel senso che anche loro possono annullare le risposte immunitarie. Combinando i risultati è stato possibile identificare nuovi percorsi che influiscono sullo sviluppo della malattia di Marek, e che possono aiutare a identificare le razze di pollo più resistenti al virus.

In tutto il mondo ogni anno vengono utilizzati quasi 22 miliardi di dosi di vaccino per tentare di controllare una malattia che causa perdite per circa 2 miliardi di dollari. Comprendere quindi il legame tra la malattia di Marek e l’immunosoppressione è quindi un’area vitale di ricerca, e su questa gli scienziati di Pirbright stanno lavorando alacremente.

Fonte The Poultry Site