Una buona comunicazione influenza le intenzioni di acquisto dei consumatori

Due recenti sondaggi, svolti dalla Humane Society degli Stati Uniti (HSUS) e dalla Coalition for a Sustainable Egg Supply hanno analizzato la disponibilità dei consumatori statunitensi a pagare qualcosa in più per acquistare uova prodotte fuori gabbia o carne proveniente da polli a crescita lenta. Entrambi gli studi, che avevano finalità diverse, hanno evidenziato la disponibilità dei consumatori ma anche che le loro intenzioni di acquisto potrebbero essere influenzate dalle informazioni fornite dai produttori.
.
I risultati di questi studi sui consumatori, condotti per conto del Food Marketing Institute, Animal Agriculture Alliance e del Foundation for Food and Agriculture Research, sono sintetizzati nell’articolo “Uova senza gabbia, polli da carne a crescita lenta: i consumatori cosa sono disposti a pagare?” pubblicato nel numero di giugno di Egg Industry. Questi studi dimostrano ancora una volta quanto i consumatori conoscano poco le attuali pratiche di allevamento del pollame applicate negli Stati Uniti. Dimostrano anche che i giusti messaggi veicolati per educare e fornire maggiori informazioni sulle tipologie di allevamento e accasamento possono influenzare la dichiarata disponibilità a pagare di più per uova cage-free o carne proveniente da polli a crescita lenta.

E se da una parte la buona notizia è che i messaggi sottoposti ai partecipanti al sondaggio hanno influenzato le loro intenzioni d’acquisto, la cattiva notizia è che gli stessi messaggi erano stati resi pubblici mesi prima dello studio e non erano stati recepiti.

La sfida del settore avicolo quindi non è solo fornire messaggi ma fare in modo che questi arrivino al consumatore. I messaggi devono essere convincenti e utilizzare strumenti che arrivino all’audience.

Fonte WattAgNet