Un sistema laser per proteggere le galline biologiche dall’influenza aviaria

L’allevamento di uova biologiche Orchard Eggs, nel West Sussex in Inghilterra, ha approfittato della più recente tecnologia laser per spaventare gli uccelli migratori selvatici e impedire loro di venire a contatto con le loro galline. Questo per proteggerle dall’aviaria pur permettendo loro di stare all’aperto. L’allevamento è di proprietà di una giovane coppia olandese Karen e Daniel Hoeberichts.

All’Orchard Eggs le galline vagano liberamente nei 50 acri di frutteti e hanno accesso agli spazi interni presenti nei terreni solo quando ne hanno bisogno, e contrariamente alle disposizioni per le quali gli avicoli free-range devono rispettare un periodo di “quarantena” che impedisce loro di razzolare all’aperto, proprio per proteggerli dall’influenza aviaria.

Secondo gli sviluppatori, il sistema installato, che permettere di respingere uccelli con un raggio laser si ispira alla natura. Gli uccelli pensano che il raggio laser che si avvicina è un oggetto fisico, quindi grazie al loro istinto di sopravvivenza volano via. Daniel Hoeberichts ha detto che lui e sua moglie vogliono “far di tutto per tenere le galline al sicuro dalle infezioni. Agrilaser Autonomic sembrava la soluzione ideale per completare tutte le nostre altre misure di biosicurezza“.

Il laser è un metodo innovativo che consente di respingere uccelli indesiderati senza causare danni agli uccelli selvatici, ai polli e all’ambiente circostante. Il sistema è stato sviluppato dalla società olandese Bird Control Group, in collaborazione con l’Università Tecnica di Delft nei Paesi Bassi. Il laser è silenzioso e ha un’efficacia compresa tra il 90 e il 100% in termini di dispersione degli uccelli: secondo l’azienda questi risultati lo rendono una valida alternativa al costoso metodo di installare reti intorno all’intero allevamento di pollame.

Fonte The Poultry Site