Un piano di lavoro per pianificare le attività di emergenza in caso di aviaria

L’Associazione dei produttori di uova in free-range del Regno Unito (BFREPA) ha inviato ai propri membri un vero e proprio piano di lavoro contenente azioni da intraprendere in caso di influenza aviaria, per aiutare gli allevatori a sostenere il “peso enorme” delle attività di pulizia secondaria e disinfezione, requisiti di legge in caso di focolai.

Nei precedenti casi di aviaria, è stato evidente che uno degli aspetti economici erano i costi relativi alle attività di pulizia e disinfezione” ha detto l’Amministratore delegato, Robert GoochPer un allevatore dover fronteggiare un focolaio è già abbastanza grave, ma non bisogna mai sottovalutare tutte le implicazioni relative alle attività di bonifica, che garantiscono che l’impianto sia pulito da cima a fondo. I requisiti sono estremamente onerosi, così stiamo cercando di aiutare i nostri membri ad aumentare la consapevolezza di quanto è necessario fare per ridurre al minimo, attraverso una oculata pianificazione, questo tipo di costi”.

Il piano di lavoro è stato scritto da Livetec Systems, una delle poche imprese specializzate in questo tipo di operazioni e alle quali il Governo può chiedere un intervento di pulizia a seguito di un focolaio.
I produttori sono incoraggiati a compilare la cartella di lavoro in modo da adattarla alle specifiche circostanze del loro allevamento. All’interno sono anche presenti consigli su questioni quali la gestione dell’acqua per il lavaggio, lo stoccaggio del letame e chi contattare se, nel proprio allevamento o in uno vicino, si verifica un focolaio.

La cartella di lavoro viene anche offerta ai produttori che partecipano alla serie di roadshow sull’influenza aviaria che prendono il via questo mese, organizzati dal Poultry Health and Welfare Group (PHWG).

Fonte Poultry News