Un additivo alimentare riduce il trasporto di Campylobacter

Da tempo molte ricerche si stanno concentrando sui metodi per eliminare il Campylobacter dalla catena alimentare. Un recente studio presso lo Scottish Rural College (SRUC) ha permesso di scoprire che un nuovo additivo per il mangime non solo ha migliorato le prestazioni dei broiler, ma ha anche ridotto il trasporto di Campylobacter, contribuendo a ridurre la probabilità che i batteri contaminino la carne di pollo.

Farina Khattak ha alimentato i broiler con diete contenenti uno dei 6 livelli di tirosina (Typlex da Akeso Biomedical) in una dose che va da 0 a 0,20 g per kg di mangime. Il test è stato realizzato dal primo giorno ai 42 giorni di età. Il giorno 20 i broiler sono stati infettati naturalmente con il Campylobacter.

Al giorno 42, per ogni incremento del livello dell’additivo, sono migliorati il tasso di incremento del peso corporeo, la conversione dei mangimi e il fattore di efficienza produttiva europea (Epef). Dal confronto con il gruppo di controllo (senza l’additivo) le differenze erano statisticamente significative. In particolare la conta del Campylobacter nel ceca degli uccelli alimentati con l’additivo erano significativamente inferiori al gruppo di controllo.

Fonte Poultry World