Sulla Guce autorizzati nuovi additivi per mangimi

Sulla Gazzetta ufficiale europea L 153 del 16 giugno 2017 è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/1007 della Commissione, del 15 giugno 2017, che autorizza un preparato di lecitine come additivo per mangimi destinati a tutte le specie animali

Il richiedente ha chiesto che l’additivo in questione sia classificato nella categoria “additivi tecnologici” e nel gruppo funzionale “emulsionanti”. L’Efsa ha concluso che, alle condizioni di impiego proposte, il preparato di lecitine non ha effetti dannosi per la salute degli animali, la salute umana o l’ambiente. Essa ha inoltre concluso che il preparato è considerato efficace per l’impiego nei mangimi come emulsionante.

Pertanto l’additivo in questione, è autorizzato come additivo destinato all’alimentazione animale alle condizioni stabilite nell’Allegato del presente regolamento.  L’additivo specificato nell’allegato e le premiscele contenenti tale additivo, prodotti ed etichettati prima del 6 gennaio 2018, possono continuare a essere immessi sul mercato e impiegati fino a esaurimento delle scorte esistenti.  Quelli prodotti ed etichettati prima del 6 luglio 2018 possono continuare a essere immessi sul mercato e impiegati fino a esaurimento delle scorte esistenti se destinati ad animali da produzione alimentare. Quelli prodotti ed etichettati prima del 6 luglio 2019 possono continuare a essere immessi sul mercato e impiegati fino a esaurimento delle scorte esistenti se destinati ad animali non da produzione alimentare.

E’ poi stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/1008 della Commissione, del 15 giugno 2017, che autorizza il preparato di Lactococcus lactis PCM B/00039, Carnobacterium divergens PCM KKP 2012p, Lactobacillus casei PCM B/00080, Lactobacillus plantarum PCM B/00081 e Saccharomyces cerevisiae PCM KKP 2059p come additivo per mangimi destinati a polli da ingrasso (titolare dell’autorizzazione JHJ Ltd)

Secondo l’Efsa alle condizioni d’impiego proposte, il preparato in questione non ha effetti dannosi per la salute degli animali, la salute umana o l’ambiente e può migliorare il rendimento zootecnico nei polli da ingrasso.
Pertanto il preparato di Lactococcus lactis PCM B/00039, Carnobacterium divergens PCM KKP 2012p, Lactobacillus casei PCM B/00080, Lactobacillus plantarum PCM B/00081 e Saccharomyces cerevisiae PCM KKP 2059p, appartenente alla categoria “additivi zootecnici” e al gruppo funzionale “stabilizzatori della flora intestinale”, è autorizzato come additivo destinato all’alimentazione animale.

Infine è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/1006 della Commissione, del 15 giugno 2017, che modifica il regolamento di esecuzione (UE) n. 1206/2012 della Commissione per quanto riguarda la modifica del ceppo produttore del preparato di endo-1,4-beta-xilanasi prodotta da Aspergillus oryzae (DSM 10287) come additivo per mangimi destinati a pollame da ingrasso, suinetti svezzati e suini da ingrasso (titolare dell’autorizzazione DSM Nutritional Products Ltd.).

L’allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 1206/2012 è quindi sostituito dal testo che figura nell’allegato del presente regolamento. Il preparato specificato nell’allegato e i mangimi contenenti tale preparato prodotti ed etichettati prima del 6 gennaio 2018 in conformità alle norme applicabili prima del 6 luglio 2017 possono continuare ad essere immessi sul mercato e utilizzati fino ad esaurimento delle scorte esistenti.

I suddetti regolamenti entrano in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea. sono obbligatori in tutti gli elementi e direttamente applicabili in ciascuno degli Stati membri.