Scompare un altro grande dell’avicoltura italiana

E’ venuto a mancare il 29 marzo scorso, all’età di 103 anni, il Conte Luchino dal Verme, figura di spicco della Resistenza e dell’avicoltura italiana.

Oltre ad essere entrato nella leggenda come il “Conte Partigiano” ed essere ricordato come uno dei primi ad entrare in Milano il 25 aprile 1945 al comando della Divisione garibaldina “Antonio Gramsci”, il Conte Luchino Dal Verme fu pioniere dell’avicoltura in Italia e fondatore dell’omonima azienda agricola.

Il Conte Luchino dal Verme, con la sua azienda di Torre degli Alberi, ha dato vita a quelli che si possono definire “Settant’anni di Grandparent”, partecipando così in maniera prioritaria, allo sviluppo e alla trasformazione del settore avicolo italiano, oggi fra i più importanti in Europa.

Unaitalia, anche a nome di tutti i suoi associati, esprime grande cordoglio per la scomparsa di un rappresentante di indiscusso rilievo nell’ambito dell’avicoltura italiana e della storia del Paese.