Sarà Trump a migliorare i prezzi avicoli in America Latina?

Durante il Central American Poultry Congress che si è svolto la scorsa settimana ad Antigua, in Guatemala, Benjamin Ruiz, capo redattore del sito Industria Avicola, si è imbattuto in un commento inaspettato: “Con Trump i prezzi del pollo si stabilizzeranno e miglioreranno”.

Ma perchè? Si prevede che il commercio globale sarà influenzato dalla decisione degli Stati Uniti di imporre una tariffa del 35% sulle importazioni. E’ probabile che l’America Latina ricambierà il favore e che la stessa tariffa sarà applicato alle importazioni provenienti dagli Stati Uniti. Così, il pollo USA sarà estromesso dal mercato sud americano e questo farà aumentare la produzione interna. Secondo Ruiz non è non è ancora certo quello che gli USA faranno con i quarti, e cosa accadrà al mercato internazionale.

Sempre secondo Ruiz il problema maggiore si riscontrerà nel settore del grano. I paesi continueranno ad importare anche con le tariffe imposte dagli USA su mais, sorgo e soia? Si tratta pur sempre di materie prime che sarà possibile importare da Brasile e Argentina.
Inoltre, come riportato dal Consiglio USA per i cereali (USGC) “sebbene un esercito di analisti cercherà di analizzare cosa significa la presidenza Trump per l’agricoltura in generale, le prime reazioni del settore industriale sono positive”.

Tuttavia, è sempre opportuno tenere presente che “dall’altra parte del muro” c’è una giungla e alcune “potenze avicole”, come per esempio il Brasile, sono in agguato e puntno i mercati esteri.

Fonte WattAgNet