Salvare il mondo un uovo alla volta

E’ il motto di One Egg il programma umanitario che, fornendo uova ai bambini bisognosi, vuole anche stimolare istruzione, mercato locale e lavoro in alcuni paesi sottosviluppati.

Il programma One Egg è nato in Ruanda nel 2010 e ora opera anche in Zimbabwe, Mozambico, Haiti, Honduras, Nicaragua e due località dell’Uganda. Il programma, che attualmente fornisce uova a circa 5.000 bambini, è “una partnership tra organismi no-profit e aziende in cui tutti vincono” ha dichiarato Chris Ordway di One Egg, che ha parlato in occasione dell’Egg Industry Forum Issues Forum di Columbus, nell’Ohio.

Ogni paese ha un partner aziendale e un partner istituzionale. Tra gli sponsor aziendali vi sono Tyson e Cobb-Vantress, che forniscono supporto tecnico in termini di scienza avicola e supporto veterinario.

Sebbene si tratti di un’attività benefica, obiettivo del programma è creare profitto e gli sponsor offrono finanziamenti per acquistare le uova dai produttori locali; le uova vengono poi consegnate alle scuole o agli orfanotrofi per essere cucinati da volontari e poi consegnati ai bambini in difficoltà.

Si tratta di bambini che probabilmente non hanno mai avuto accesso alle proteine animali prima di far parte di questo programma“, ha spiegato Ordway.

Fornendo uova ai bambini delle scuole o degli orfanotrofi, il programma offre anche nutrienti che apportano benefici fisici e cognitivi, investimenti all’agricoltura locale, un ambiente sicuro per i bambini mentre i loro genitori sono al lavoro, accesso all’istruzione, lezioni di igiene e posti di lavoro per gli insegnanti.

Presto verranno coinvolti altre nazioni come Marocco, Zambia, Guatemala e Kenya.

Fonte WattAgNet