Proposta di risoluzione sulle sanzioni dell’Unione europea contro la Russia

Nei giorni scorsi sul sito del Parlamento europeo è stata pubblicata la Proposta di risoluzione, presentata a norma dell’articolo 133, sulle sanzioni dell’Unione europea contro la Russia e la loro proroga.

Il Parlamento europeo prende spunto dalla decisione del Consiglio del 1 luglio 2016 di prorogare le sanzioni dell’Unione europea contro la Federazione russa fino a gennaio 2017 e dalle risoluzioni adottate dall’Assemblea nazionale francese, dal Senato francese e dal Parlamento cipriota rispettivamente il 28 aprile, l’8 giugno e il 7 luglio 2016 per chiedere la revoca delle sanzioni.

Inoltre il Parlamento prende in considerazione il fatto che il governo ucraino dimostra una riluttanza equivalente, se non superiore, alla sua controparte russa nell’applicare gli accordi di Minsk II del 12 febbraio 2015. Gli Stati Uniti, da parte loro, da un lato sostengono la proroga delle sanzioni dell’Unione, dall’altro stanno rafforzando i loro scambi commerciali con la Russia, a discapito degli Stati membri;

Attraverso la Proposta di risoluzione in esame il Parlamento ritiene indispensabile ripristinare un clima sereno tra la Russia e gli Stati membri per ragioni tanto politiche quanto economiche e invita pertanto il Consiglio a riconsiderare rapidamente la sua decisione del 1° luglio 2016. Chiede infine che le sanzioni imposte dall’Unione europea nei confronti della Russia siano revocate quanto prima.