Promuovere il ruolo del settore farmaci zootecnici per uno sviluppo sostenibile dell’allevamento

Lo scorso 28 settembre, nel corso di un dibattito ospitato dalla EU40, una rete di giovani membri del Parlamento europeo, il segretario generale di IFAH Europe, Roxane Feller ha evidenziato il ruolo che i farmaci zootecnici hanno per garantire il futuro e la sostenibilità dell’allevamento.

Si è trattato del secondo di tre incontri che mirano ad analizzare l’importanza di specifiche azioni da intraprendere nel settore zootecnico, come parte dell’attuale discussione sulla necessità di guardare a un futuro del settore sempre più sostenibile.

Animati dal titolo dell’incontro “Pilastri economici e sociali della produzione zootecnica sostenibile“, politici e scienziati della Ue, ma anche rappresentanti del settore agroalimentare e allevatori europei, hanno convenuto sul fatto che è necessaria un’azione politica che integri i pilastri sociali ed economici della sostenibilità per un allevamento più innovativo, attento al clima ma anche competitivo.

Roxane Feller ha sottolineato il fatto che, grazie alla corretta applicazione dei medicinali veterinari, l’Europa ha potuto con successo prevenire e gestire malattie animali come la febbre catarrale degli ovini, la mastite bovina, il Circovirus, la malattia delle zampe e della bocca, e la Salmonella, che solo fino a pochi anni fa erano ritenute gravi minacce per la salute degli animali, la sicurezza alimentare, la salute pubblica e tutto il settore agroalimentare. Ha anche sottolineato la necessità di un ampio accesso ai farmaci veterinari e di una maggiore innovazione in questo settore, per contrastare la globale perdita di produzione (20%) causata delle malattie del bestiame.

IFAH Europe è l’organismo di rappresentanza dei produttori di medicine veterinarie, vaccini e altri prodotti sanitari destinati agli animali.

Fonte IFAH Europe