Piume di pollo per produrre carta e stoffa

Nei laboratori di una scuola di Callao, vicino a Lima in Perù, è stato sviluppato un processo che può trasformare le piume di pollo in fibre, che poi possono essere ulteriormente elaborate per la produzione di carta e tessuti.

La scuola è l’Istituto Ricardo Palma e gli studenti responsabili della ricerca sono Yamilet Angie Garcia e Sebastian Gutierrez Jimenez Restivo.

Il progetto scientifico intitolato “Fibre tessili da un sotto-prodotto avicolo“, si è aggiudicato il premio FENCYT 2016 (la Fiera nazionale di scienza e tecnologia scolastica del Peù) e il Premio della Fiera Internacional Colciencias Colombia 2016.

Secondo quanto descritto dal giornale on line Epoch Times, gli studenti hanno scoperto “un processo chimico che può trasformare le piume di pollo in modo possano essere sfruttate per costruire diversi elementi, come i fogli di carta o i tessuti“.

Yahaira Sierra, uno dei membri della giuria, ha lavorato su progetti per la NASA. Era molto interessata al prodotto e intende visitare la scuola di Callao per avere maggiori informazioni sulla ricerca direttamente dagli studenti” ha riportato Press Il Eskina. I creatori di questa nuova tecnologia dicono che si tratta di “un tessuto 100% ecologico, che potrebbe rivoluzionare il mercato. Si potrebbe presentare a un quadro completamente diverso, sia nel settore tessile che in quello della carta”.

L’Istituto Ricardo Palma è stato fondato nel 1997. La responsabile dei laboratori, Paola Bravo, che è stata anche coordinatrice del lavoro degli studenti, ha spiegato che nella scuola “promuoviamo la preparazione teorica e pratica per facilitare l’apprendimento degli studenti. E’ incoraggiante vedere come i giovani si sforzino di migliorare e preservare l’ambiente. Attraverso la diffusione di questa esperienza è possibile individuare le possibilità che questo tipo di progetto sia sostenuto anche dalle istituzioni ufficiali di diversi paesi“.

Fonte WattAgNet