Più spazio ai conigli

Con 29 voti a favore, 7 contrari e 9 astensioni la Commissione agricoltura del Parlamento europeo ha approvato un progetto di risoluzione non legislativa secondo il quale gli Stati membri dell’Unione europea dovrebbero incoraggiare gli allevatori di conigli ad eliminare gradualmente le gabbie convenzionali e sostituirle con alternative più sane, come  i  sistemi  di  allevamento “a parco” o “a  penna”, ma a prezzi accessibili. I deputati sostengono che migliorando le condizioni di benessere e di vita dei conigli si potrebbero prevenire le malattie, riducendo così la necessità di un uso intensivo di antibiotici.

Il semplice fatto che dopo tanti anni stiamo finalmente parlando di norme minime per la protezione dei conigli è un successo. Sono stati fatti progressi nella giusta direzione, ma abbiamo anche bisogno di norme comunitarie vincolanti. Vogliamo continuare a chiedere una legislazione europea su questo tema”  ha affermato il relatore Stefan Eck.

Nel testo si legge che la salute pubblica va di pari passo con quella animale, che dipende tra l’altro, dalle condizioni abitative, dalle buone pratiche di allevamento e gestione.

La Commissione europea e gli Stati membri dovrebbero incoraggiare la ricerca sui migliori sistemi di allevamento finalizzati al miglioramento del benessere dei diversi tipi di conigli. Gli eurodeputati sottolineano tuttavia la necessità di trovare un equilibrio tra il benessere degli animali, la situazione finanziaria degli agricoltori e prezzi finali accessibili per gli acquirenti di carne di coniglio, aggiungendo che deve essere garantita la sostenibilità degli allevamenti.

La Commissione europea dovrebbe proporre linee guida e raccomandazioni sulla salute, il benessere e l’alloggiamento dei conigli d’allevamento; inoltre sia la Commissione che gli Stati membri devono garantire che le carni di coniglio importate da paesi terzi soddisfino gli stessi criteri di sicurezza alimentare e di benessere degli animali cui sono sottoposti gli allevatori della Ue.

Per compensare i maggiori costi dei sistemi di allevamento alternativi, la Commissione dovrebbe fare di più per sostenere il settore e promuovere il consumo di carne di coniglio. I deputati insistono sulla necessità di un sostegno specifico a favore degli allevatori, per attutire l’impatto di ogni nuova misura obbligatoria. A tal proposito suggeriscono l’utilizzo dei fondi di sviluppo rurale per sostenere gli allevatori che optano per sistemi con livelli di benessere più elevati.

Il testo approvato dalla Commissione deve ancora essere esaminato e approvato dal Parlamento europeo, probabilmente in ocasione della prossima sessione plenaria pervista a Strasburgo tra il 13 e il 16 marzo.

Fonte Parlamento europeo