Obiettivi di sviluppo sostenibile per i produttori avicoli

L’industria avicola è in una posizione particolarmente forte per sostenere lo sviluppo sostenibile in tutto il mondo, può lavorare attivamente a favore dell’iniziativa del programma delle Nazioni Unite Sustainable Development Goals (SDGs), che interesserà i prossimi 15 anni.

Obiettivo a lungo termine di questo progetto è promuovere la salute, il benessere e la prosperità della popolazione mondiale e proteggere e sostenere la terra e le sue risorse naturali. L’industria avicola ha il potenziale di influenzare la maggior parte degli obiettivi del SDGs; in particolare sono 5 le aree chiave in cui il settore può avere un impatto particolarmente forte.

ELIMINARE LA POVERTA’ – L’obiettivo primario e più importate del SDG è porre fine alla povertà in tutto il mondo. Le comunità rurali rappresentano oltre il 70% dei poveri estremi del mondo. Quali sono gli strumenti che può utilizzare l’industria avicola? La crescita del settore agricolo è almeno due volte più efficace nel ridurre la povertà delle popolazioni rurali, rispetto a qualsiasi altro settore. Nei paesi in via di sviluppo la produzione di pollame aiuta a aumentare le opportunità che le persone hanno di guadagnarsi da vivere e diventare finanziariamente stabili.

ZERO FAME, E ALTI LIVELLI DI SALUTE E BENESSERE – Uno degli obiettivi chiave del settore è alimentare il mondo, fornendo un approvvigionamento di pollame sicuro e di qualità in tutto il mondo. In questo modo tutti potranno godere di una fonte di proteine nutriente, accessibile, sostenibile ed economicamente alla portata di tutti.

QUALITA’ DELLA FORMAZIONE – La diffusione dell’agricoltura permette agli agricoltori di avere accesso a capacità, strumenti e conoscenze per accrescere le rese del loro raccolto. In tutto il mondo, molte aziende che si occupano di genetica avicola condividono continuamente le migliori conoscenze e pratiche, facendo consulenza ai propri clienti, ai partner e ai futuri professionisti attraverso documentazione, formazione e altri eventi. Queste opportunità di formazione sono state progettate per aiutare gli allevatori a raggiungere le migliori prestazioni e per aiutare le imprese a prosperare. Di conseguenza, i benefici si estendono naturalmente alle comunità locali, migliorando le loro condizioni economiche e offrendo l’accesso a una fonte sana, affidabile e conveniente di proteine.

AZIONI PER IL CLIMA – Il settore avicolo rappresenta l’impronta di carbonio più piccola di tutto il settore zootecnico commerciale.
Numerosi studi hanno dimostrato che il settore avicolo è un buon amministratore delle risorse naturali del pianeta, e crea un impatto ambientale relativamente basso rispetto ad altri settori animali. Ad esempio, un recente articolo di Business Insider riporta che, rispetto ad altri tipi di carne, il pollo produce il minor numero di emissioni di gas a effetto serra in ogni fase della produzione, della lavorazione e della cottura.

GESTIONE DEGLI ECOSISTEMI – Migliorare l’efficienza dei terreni agricoli può contribuire a soddisfare la crescente domanda mondiale di cibo, riducendo al minimo la perdita di habitat naturali e di foreste. In quest’ottica l’industria dell’allevamento del pollame è diventata un modello di sostenibilità, dato che gli avicoli crescono in modo più efficiente, e ogni generazione di animali utilizza sempre meno mangime. Nel pollame il miglioramento del rapporto di conversione dei mangimi (FCR) significa che attualmente è necessario meno cereale nel ciclo di produzione. Il grano non utilizzato per l’alimentazione del pollame quindi può essere assegnato ad altri scopi, e la terra liberata può essere conservata o utilizzata per altre colture. Inoltre i miglioramenti del FCR possono contribuire a ridurre l’impatto ambientale della produzione avicola in termini di potenziale riscaldamento globale ed emissioni inquinanti.

Il Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon ha descritto gli obiettivi di SDGs come una “lista di impegni per le persone e il pianeta“, che definisce una “visione universale, integrata e di trasformazione per un mondo migliore“.

La visione è che dobbiamo lavorare ogni giorno per attuare un cambiamento positivo del mondo. L’industria avicola ha una enorme responsabilità. Entro il 2050 la popolazione mondiale dovrebbe raggiungere i 9 miliardi di persone e il consumo alimentare pro capite continuerà a crescere. La risposta a questa domanda dovrebbe essere socialmente, economicamente e ambientalmente responsabile.
I consumatori continuano ad essere il bene più prezioso, e devono essere continuamente dotati di conoscenze, prodotti e tecnologie di successo, in un mercato sempre più competitivo. L’agricoltura, e il settore avicolo in particolare, possono soddisfare molti degli obiettivi del progetto SDGs.

Le principali industrie avicole possono analizzare gli obiettivi delle Nazioni Unite ed individuare i modi in cui è possibile agire per migliorare globalmente la società. Lavorando insieme verso questi obiettivi comuni, l’industria avicola può garantire un migliore futuro al suo settore, alla società e al pianeta.

Fonte WattAgNet