Nuova raccolta di dati per monitorare i rischi dell’influenza aviaria

L’Efsa ha avviato una nuova raccolta di dati in tutta l’UE per identificare come il virus dell’influenza aviaria entra allevamenti di pollame e per valutare i rischi legati alla presenza di uccelli selvatici.

L’iniziativa è stata disposta dopo l’individuazione dei nuovi focolai di influenza aviaria, rilevati tra gli uccelli selvatici e in alcuni allevamenti europei alla fine del mese scorso, e che hanno coinvolto Ungheria, Polonia, Croazia, Germania, Austria, Svizzera, Danimarca e Paesi Bassi.

I nostri esperti stanno supportando gli Stati membri nelle loro attività di raccolta dati volta ad individuare come il virus entra negli allevamenti allevamenti avicoli e i rischi derivanti dagli uccelli selvatici” ha dichiarato un portavoce dell’EFSA. “Queste informazioni ci aiuteranno a ri-valutare il rischio dell’introduzione dell’influenza aviaria nell’Unione europea, basato sulle nuova conoscenze scientifiche“.

Sulla base di questi ultimi risultati l’Efsa aggiornerà la propria consulenza scientifica relativa ai rischi legati all’aviaria e alla potenziale diffusione del virus nel 2017.

Fonte Poultry News