Nell’Australia del Sud una pianta per l’alimentazione delle ovaiole ruspanti

Una recente ricerca ha dimostrato che le galline alimentate con la pianta chiamata Atriplice producono uova con un tuorlo dal colore più brillante. Queste uova sono anche state sottoposte a una serie di sessioni sensoriali alimentari, nel corso delle quali circa 120 consumatori le hanno assaggiate cucinate in una grande varietà di modi.

La ricerca è parte di un progetto di 12 mesi condotto dall’Istituto di Ricerca e Sviluppo del Sud dell’Australia (SARDI), e finanziato dalla Centro di ricerca avicola cooperativa. Il progetto ha identificato che l’atriplice potrebbe essere adatta alle aziende che allevano ovaiole ruspanti perché la pianta è resistente alla siccità, richiede poca o addirittura niente acqua e può far fronte a temperature molto secche e calde. Il team di progetto ha dimostrato che le ovaiole ruspanti alimentate anche con questa pianta non hanno subito conseguenze negative sia in termini di produzione che di qualità delle uova.

Il Professor Alan Tilbrook, Direttore ricerca per il dipartimento zootecnico del SARDI ha detto che “questa emozionante ricerca può far crescere il settore delle uova dell’Australia del sud: i primi risultati dimostrano che questa pianta potrebbe offrire agli allevatori di pollame ruspante una soluzione sostenibile per sviluppare un prodotto di nicchia, utilizzando una pianta che può crescere in condizioni veramente difficili“.

Fonte The Poultry Site