Nel Regno Unito “uccelli al chiuso” fino a primavera

Agli allevatori avicoli è stato chiesto di mantenere i loro uccelli al chiuso fino a primavera. A seguito infatti dell’individuazione di un focolaio di influenza aviaria H5N8 a Carmathenshire, il Dipartimento per l’agricoltura della Gran Bretagna (DEFRA) ha annunciato l’estensione della prima direttiva (stabilita a inizio dicembre) e che protrae l’obbligo di mantenere al chiuso anche gli animali free-range fino al 28 febbraio prossimo. La disposizione impone agli allevatori di adottare concrete e opportune misure per tenerli separati dagli uccelli selvatici.

La disposizione copre tutta l’Inghilterra ma precauzioni simili sono state prese anche in Scozia e nel Galles. Ci è inoltre il divieto in tutto il Regno Unito di far svolgere mostre o mercati avicoli.

Gli allevatori devono infine confermare e rafforzare le buone pratiche di biosicurezza, per ridurre al minimo il rischio di diffusione dell’infezione attraverso oggetti od elementi esterni come i mangimi, l’abbigliamento o le attrezzature.

Il Dipartimento di Sanità pubblica dell’Inghilterra ricorda che il rischio per la salute pubblica rimane molto basso e la Food Standards Agency chiarisce che l’influenza aviaria non rappresenta un rischio per la sicurezza alimentare.

Il Veterinario Capo Nigel Gibbens ricorda che “la Zona di Prevenzione sta ad indicare che chi tiene animali da cortile come polli, anatre e oche, anche come animali da compagnia, deve evitare di farli entrare in contatto con uccelli selvatici per proteggerli dall’influenza aviaria. Gli uccelli dovrebbero essere spostati in un edificio adatto, ma se ciò non non fosse possibile, i proprietari devono prendere precauzioni ragionevoli per tenerli lontani dagli uccelli selvatici: installare una rete per creare una gabbia temporanea o mantenere cibo e acqua all’interno, per evitare che siano contaminati. Anche quando gli uccelli sono tenuti al chiuso è necessario ridurre il rischio di infezione praticando una buona biosicurezza: per esempio si devono disinfettare calzature e attrezzature e abbigliamento dopo il contatto con gli uccelli“.

Fonte Poultry New