Nel Regno Unito redditi avicoli in calo per il secondo anno consecutivo

Secondo l’ultimo Farm Business Survey realizzato in tutta l’Inghilterra da un gruppo di College e Università, i redditi avicoli del Regno Unito quest’anno sono diminuiti del 16%, dato che va ad aggiungersi al 19% dell’anno precedente. Il calo riflette il continuo trend al ribasso registrato sia dai prezzi dei broiler che da quelli delle uova.

Malgrado questo, le imprese di pollame continuano ad essere alcune tra le più redditizie del settore agricolo. Nel periodo 2015-2016 il reddito medio di una fattoria era 75.100 sterline, superiore alla media agricola nazionale. Inoltre nel 2016 solo l’8% delle aziende avicole hanno lavorato in remissione, rispetto al 22% delle aziende agricole nazionali.

Le aziende avicole quindi continuano a mostrare una forte capacità di adattamento alle difficili condizioni di mercato. L’aumento della produttività e il contenimento delle spese, sono i fattori che hanno contribuito ad evitare il peggio per la maggior parte delle imprese. In particolare, è stato registrato un taglio del 18% dei costi relativi ai mangimi, e del 15% dei costi di gestione.

Guardando al futuro sono già presenti i segni di una forte industria avicola, che gode di una tendenza continua alla diversificazione. Nel 2016, il 28% del reddito degli allevamenti di pollame faceva riferimento ad attività differenziate, rispetto all’11% di 5 anni prima.

Fonte The Poultry Site