Nel Regno Unito controlli sulla densità degli allevamenti

L’Agenzia per la salute degli animali e delle piante (APHA) del Regno Unito ha comunicato che il suo Ispettorato per la commercializzazione delle uova (EMI) è impegnato in una verifica sugli allevamenti e sui fornitori di uova di gallina. L’azione è scattata a seguito di un caso di sovraffollamento individuato in Galles, dove è in corso un’azione legale.

Un portavoce dell’APHA ha detto che l’Agenzia ha “identificato potenziali casi di sovraffollamento in un gran numero di allevamenti di ovaiole sia in Inghilterra che nel Galles e, quindi, una potenziale non conformità alle norme relative al benessere degli animali e alla commercializzazione delle uova. Stiamo assicurando un’azione rapida per portare queste imprese di nuovo in linea con le normative“. Il portavoce ha aggiunto che le indagini sono minuziose e che gli ispettori hanno il potere di esaminare “tutti i requisiti di legge. Nel caso in cui fosse confermato il sovraffollamento, se il produttore non riesce a correggerlo dovrà affrontare ulteriori azioni come la declassificazione delle uova e la messa in stato di accusa. Abbiamo incontrato il settore delle uova e i rappresentanti dei loro Programmi di garanzia, e li abbiamo esortati a spingere i loro membri a correggere il numero di animali presenti negli allevamenti“.

La British Free Range Egg Producers’ Association (BFREPA) ha descritto l’azione del APHA come un “giro di vite“, aggiungendo che gli allevatori di pollastre hanno riferito che gli agenti dell’EMI hanno sequestrato documenti e registrazioni delle vendite. Secondo quanto riportato dalla BFREPA, gli ispettori hanno riferito agli allevatori di avere l’autorità legale per esaminare i dati che risalgono a due anni prima, e che sono disposti a coinvolgere la polizia per far rispettare tale diritto, se necessario. Presso gli allevamenti, gli ufficiali dell’APHA hanno richiesto di vedere i documenti che mostrano il numero di pollastrelle che ogni produttore aveva comprato. Il “passaporto” del un protocollo di produzione delle uova British Egg Industry Council Lion,  mostra il numero degli uccelli che dovrebbero essere alloggiati, mentre i certificati di trasporto degli animali forniscono la prova del numero consegnato.

Fonte Farmers Weekly Interactive