Nel Regno Unito continuano ad aumentare le vendite di uova

Secondo gli ultimi dati forniti dalla società di rilevazione Kantar, nel Regno Unito negli ultimi 12 mesi (fino al 9 ottobre), le vendita al dettaglio di uova sono aumentate del 3,7%, il che significa che il consumo è al massimo livello dal 1980.

L’aumento registrato,  elevato e costante da diversi anni, è stato pari a circa 204 milioni di uova. Ciò significa che nell’anno solare in corso, nel Regno Unito, saranno consumati 12,5 miliardi di uova, circa 34 milioni ogni giorno.

Amanda Cryer, direttore di British Egg Industry Service, ha detto a Farmers Weekly che questa è la prova che una intera generazione ha ridotto il consumo di uova negli anni ’90 e primi anni 2000, a causa degli allarmi legati al colesterolo e alla salmonella.

Cryer ha aggiunto che la ricerca ha anche mostrato che una generazione più giovane, le persone sotto i 25 anni, vedono le uova come una scelta alimentare sana. Inoltre sempre più persone usano le uova a colazione, cucinando piatti buoni e sani.

Nel corso della recente conferenza della British Free Range Egg Producers Association, è emersa la preoccupazione legata alla scelta dei Millenials di scegliere al posto delle uova sostituti a base vegetale. Ma secondo Cryer “storicamente, le proteine a base vegetale sono utilizzate in vari prodotti, ma non hanno lo stesso apporto delle uova, e di solito anche le aziende di trasformazione tornano ad usarle. Abbiamo visto i prodotti nuovi entrare ed uscire dal mercato, e se l’industria non prende in dovuta considerazione il problema, vuol dire che non lo considera una minaccia competitiva”.

Andrew Joret, presidente del British Egg Industry Council, sottolinea che le “uova sono di tendenza, e il loro consumo ha avuto un’impennata tra i consumatori che stanno conoscendo e riconoscendo le loro qualità: veloci da cucinare, convenienti, versatili. Ma sempre di più ne riconoscono i principi nutrizionali e di salute”.

Fonte Farmers Weekly Interactive