Nei broiler due tipi di infezione da E. coli

Il virus della bronchite infettiva (IBV) è una seria minaccia per la salute dei broiler, e spesso apre la porta a costose infezioni secondarie da Escherichia coli. Lo ha spiegato spiegato Kalen Cookson,  direttore della ricerca clinica di Zoetis, che ha lavorato a lungo con questo agente patogeno.

La sfida da IBV colpisce tipicamente gli animali a 4 settimane di età. L’E. coli si insedia dopo, provocando un numero elevato di scarti nell’impianto di lavorazione, soprattutto di avicoli uccelli leggeri intorno alle 5 settimane di età” ha spiegato Cookson.

D’altra parte, allevamenti con avicoli più grandi, tra 7 e le 8 settimane di età, hanno maggiori probabilità di sperimentare una scarsa crescita e livelli di mortalità più elevati dovuti all’infezione da E. coli.

La maggior parte dei sierotipi dell’IBV colpiscono il tratto respiratorio, rendendo gli avicoli più suscettibili ad un’infezione da E. coli secondaria. Tuttavia, alcuni sierotipi mostrano una patologia diversa e prendono di mira i reni.

Per controllare la bronchite i produttori fanno molto affidamento sui vaccini contro l’IBV, ma questa protezione è tanto valida quanto il sierotipo interagisce con i ceppi infettanti. “I vaccini con minore protezione contro i sierotipi consentono una maggiore infezione secondaria di E. coli, con conseguente riduzione della protezione e tassi di infezione più elevati per IBV ed E. coli“. Nei polli da carne una malattia virale non è un prerequisito per l’infezione da E. coli. L’aumento dei livelli di polvere e ammoniaca e l’elevata umidità dei rifiuti possono irritare l’epitelio respiratorio e fornire un’apertura alle infezioni da E. coli.

Fonte Poultry Health Today