Negli USA finanziamento per prepararsi a combattere l’influenza aviaria

La Foundation for Food & Agriculture Research (FFAR) ha assegnato una borsa di 87.000 dollari all’Università del Minnesota, per lo sviluppo di uno strumento a livello nazionale per migliorare la prevenzione e la modalità di risoluzione delle malattie avicole. La sovvenzione è stata abbinata ai finanziamenti del Dipartimento dell’Agricoltura del Minnesota, per un investimento complessivo di 183.000 dollari.

Nel 2014-2015 uno dei più grandi focolai che ha colpito il settore avicolo statunitense era attribuito al ceppo H5N2 dell’influenza aviaria ad alta patogenicità, che ha provocato la distruzione di quasi 50 milioni di capi e causato oltre 3,75 miliardi di dollari in termine di produzione persa, spese legate al controllo della malattia e perdita dei mercati di esportazione.

Grazie a questo nuovo strumento online, i ricercatori stanno cercando di migliorare le risposte alle epidemie e aiutare i produttori a controllare le malattie degli animali negli allevamenti. L’obiettivo di questo progetto è espandere il programma statale del Minnesota e renderlo disponibile agli agricoltori e alle aziende avicole a livello nazionale. Inoltre questo strumento online consentirebbe ai produttori di gestire più facilmente gli animali attraverso la mappatura delle fattorie e la segnalazione delle malattie, aspetto che secondo i ricercatori contribuirà a migliorare la biosicurezza delle aziende agricole.

Agricoltori e produttori sono spesso in prima linea per difendere i propri animali da parassiti e agenti patogeni invasivi“, ha dichiarato Sally Rockey, direttore esecutivo di FFAR. “Sono anche fortemente influenzati dalle epidemie che comportano perdite economiche e di animali“.
Questo nuovo strumento consentirà alle aziende di partecipare, attivamente e contribuirà al coordinamento e alla diffusione delle informazioni tra i singoli allevamenti che inviano gli animali all’impianto di trasformazione. Inoltre contribuirà all’espletamento delle procedure di reporting standard, come il traceback e l’archiviazione.

Rispondere ad un focolaio in un allevamento è complicato, e l’epidemia del 2014-15 di HPAI ha insegnato ai legislatori e ai produttori la necessità di coordinare le risorse agricole e esterne e il personale“, ha detto la professoressa coordinatrice del progetto Carol Cardona del Dipartimento di scienze veterinarie e biomediche dell’Università del Minnesota. “Lo strumento online che abbiamo sviluppato aiuta a fornire una guida in tempo reale, in un linguaggio facile da capire oltre a dettagli necessari solo in caso di emergenza e utili ai primi soccorritori. Il tutto si tradurrà in un controllo più rapido e un miglior modo di affrontare le epidemie“.

Shaun Kennedy, direttore del Food System Institute LLC. ha aggiunto che “attraverso il lavoro svolto presso Food Systems LLC sulla protezione del sistema alimentare, comprendiamo quanto sia fondamentale rendere strumenti utili in modo regolare, in modo che le organizzazioni possano utilizzarli e renderli efficaci per mitigare le conseguenze di un evento negativo, garantendo al tempo stesso la sicurezza dei dati di ogni organizzazione“.

La sovvenzione è stata erogata attraverso il programma Rapid Outcomes dell’Agricultural Research, un’iniziativa progettata per prevenire e mitigare i danni derivanti da parassiti e agenti patogeni emergenti attraverso finanziamenti a breve termine.

Fonte FFAR