NCC lancia gli standard per il benessere dei broiler

Il National Chicken Council (NCC), la più antica e più grande associazione che rappresenta l’industria americana dei broiler, ha lanciato un set di standard industriali per il settore avicolo.

Gli standard, denominati Chicken Guarantees, sono stati ideati nell’ambito del programma associativo Chicken Check In, che fornisce informazioni ai consumatori sui metodi di produzione e benessere.

Attualmente la produzione statunitense è a un livello record e gli standard Chicken Guarantees sono stati progettati per assicurare che tutti i consumatori dispongano di informazioni accurate. Gli standard vogliono sottolineare il fatto che ogni pollo acquistato è: allevato fuori gabbia, non contiene ormoni o steroidi aggiunti, viene controllato da veterinari autorizzati, allevato da personale formato in tema di benessere degli animali.

Ashley Peterson, Vicepresidente Senior dell’agenzia scientifica e normativa di NCC, ha affermato che l’associazione e i suoi membri si sono impegnati per promuovere il benessere dei broiler, il miglioramento continuo dei metodi i produzione e l’ampliamento della scelta del consumatore. Tuttavia le informazioni fornite ai consumatori erano spesso contraddittorie in quanto “sono costantemente bombardati da messaggi negativi sull’etichettatura, sulla presenza o meno di conservanti, ormoni, additivi. Grazie alle nostre Chicken Guarantees, vogliamo fornire i principi di base che sono sempre veri per ogni tipo di pollo acquistato, non importa chi lo produca”.

Un sondaggio effettuato a maggio su oltre 1.000 consumatori statunitensi ha evidenziato che il 76% degli intervistati crede ancora che nel pollo siano presenti ormoni e steroidi; il 70% crede che la maggior parte dei broiler sia allevato in gabbie e due terzi che le etichettature dei polli fossero fuorvianti.

Jenny Rhodes, che nel Maryland alleva 500.000 broilers all’anno, ha dichiarato che è essenziale eliminare qualsiasi informazione sbagliata. “Cerchiamo sempre di migliorare la vita dei nostri animali, perché senza polli sani non ci sarebbe alcuna industria avicola. Facciamo attenzione allo spazio degli accasamenti, studiamo diversi programmi nutrizionali. Solo allevando polli più sani o lavorando per sradicare le malattie, possiamo migliorare continuamente ciò che facciamo e la vita dei polli, per offrire al consumatore solo il meglio“.

Fonte Poultry World