Mangiare insetti favorisce la salute dell’intestino

Un nuovo studio, condotto presso l’Università del Wisconsin-Madison Nelson Institute for Environmental Studies negli Stati Uniti, ha dimostrato che mangiare insetti è benefico per il microbioma umano. Questo risultato potrebbe avere risvolti positivi anche per la promozione della salute dell’intestino degli animali da reddito.

I grilli, così come altri insetti, contengono fibre, come la chitina, che sono diverse dalla fibra alimentare presente in alimenti come frutta e verdura. La fibra funge da fonte di cibo microbica e alcuni tipi di fibre favoriscono la crescita di batteri benefici, noti anche come probiotici.

Questo nuovo studio ha esaminato gli effetti dell’assunzione di grilli sul microbioma umano. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Scientific Reports.  Per 2 settimane, a 20 uomini e donne in buona salute, di età compresa tra i 18 e i 48 anni, sono stati somministrati due tipi di colazione: una di controllo e una contenente 25 grammi di farina di grillo in polvere trasformata in muffin o frullati. Ogni partecipante ha poi seguito una dieta normale per un periodo di “washout” di 2 settimane: quelli che avevano seguito la dieta a base di grilli hanno poi consumato la colazione di controllo, mentre quelli che avevano seguito la dieta di controllo hanno consumato la colazione con grilli.

Il test ha permesso di dimostrare che il consumo di grilli può aiutare a sostenere la crescita di batteri intestinali benefici, e che mangiare grilli non solo è sicuro anche a dosi elevate, ma può ridurre i livello di infiammazione del corpo. I ricercatori hanno notato un aumento di un enzima metabolico associato alla salute dell’intestino e una diminuzione di una proteina infiammatoria del sangue chiamata TNF-alfa, collegata ad altre misure di benessere, come la depressione e il cancro.

Inoltre, il team ha rilevato un aumento dell’abbondanza di batteri intestinali benefici come il Bifidobacterium animalis, un ceppo collegato a una migliore funzionalità gastrointestinale. Tuttavia, secondo i ricercatori sono necessari ulteriori e più ampi studi per replicare questi risultati e determinare quali sono le componenti dei grilli che possono contribuire a migliorare la salute dell’intestino.

L’interesse sull’utilizzo di ingredienti di mangimi derivati dagli insetti sta aumentando. L’uso di proteine provenienti da insetti è permesso nei pesci d’allevamento. Per il pollame, i suini e i ruminanti, il loro uso non è ancora consentito nell’UE.  L’olio di insetti è permesso e ha già mostrato buoni risultati sui suinetti. I risultati di questo studio sull’uomo sono interessanti da un punto di vista zootecnico dato che per il bestiamo la salute dell’intestino è un importante fattore di benessere.

Fonte All About Feed