L’uso del biossido di silicio nel nitrato di potassio

Sulla Gazzetta ufficiale europea L 184 del 15 luglio 2017 è stato pubblicato il Regolamento (UE) 2017/1271 della Commissione, del 14 luglio 2017, che modifica l’allegato III del regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l’uso del biossido di silicio (E 551) nel nitrato di potassio (E 252).

In data 7 luglio 2016 è stata presentata una domanda di autorizzazione all’uso del biossido di silicio (E 551) come antiagglomerante aggiunto al nitrato di potassio (E 252). Durante la conservazione, il nitrato di potassio (E 252) mostra una forte tendenza all’agglomerazione che ne ostacola l’uso nella trasformazione alimentare. Per migliorare la fluidità e assicurare il corretto dosaggio di tale additivo è pertanto necessario un antiagglomerante. Il richiedente ha dimostrato che gli antiagglomeranti autorizzati per il nitrato di potassio (E 252) non sono efficienti o possono indurre alterazioni indesiderate del pH, ostacolando la trasformazione alimentare. Al contrario è stato dimostrato che il biossido di silicio (E 551) è efficiente e non reagisce con gli alimenti né influisce sulla loro ulteriore trasformazione.

Il comitato scientifico dell’alimentazione umana ha stabilito una DGA (dose giornaliera ammissibile) globale “non specificata” per il biossido di silicio (E 551) e alcuni silicati (di sodio, di potassio, di calcio e di magnesio), se utilizzati come antiagglomeranti. Ciò significa che il biossido di silicio (E 551), quando è utilizzato ai livelli necessari per ottenere l’effetto tecnologico desiderato, non presenta rischi per la salute. L’esposizione aggiuntiva del consumatore al biossido di silicio (E 551), se utilizzato come antiagglomerante nel nitrato di potassio (E 252), resterebbe limitata.

Pertanto l’allegato III del regolamento (CE) n. 1333/2008 è modificato conformemente all’allegato del presente regolamento che entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea ed è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri