L’OIE adotta la prima Strategia globale per il benessere degli animali

Il 24 maggio, i 180 paesi membri dell’Organizzazione internazionale per il benessere animale-OIE hanno adottato la prima Strategia globale sul benessere degli animali. Costruita sulle esperienze e sui risultati delle strategie e delle piattaforme locali di tutto il mondo, relative al benessere animale attuate, la Strategia mira a fornire una direzione continua e un coordinamento delle azioni dell’OIE per ottenere miglioramenti dei risultati già sostenuti in questo campo.

La Strategia era già stata approvata nel corso della quarta Conferenza Globale OIE sul benessere degli animali svolta a Guadalajara, in Messico, nel dicembre 2016, e mira a raggiungere un “mondo in cui il benessere degli animali viene rispettato, promosso e avanzato, in modo da completare il perseguimento della salute animale, Il benessere, lo sviluppo socio-economico e la sostenibilità ambientale“.

La strategia si basa sui seguenti quattro pilastri:

Sviluppo di norme internazionali in materia di benessere degli animali – Gli standard OIE per la protezione degli animali continueranno a essere sviluppati con il supporto di esperti internazionali, e saranno basati su una ricerca scientifica pertinente, tenendo conto delle considerazioni etiche associate e dell’esperienza pratica. In particolare, sono in corso lavori aggiuntivi sugli standard per i sistemi di produzione dei suini e per la macellazione e l’uccisione dei rettili da allevamento per la produzione di pelli e carne.

Miglioramento della capacità di formazione e formazione dei servizi veterinari – In quanto attori chiave in materia di benessere degli animali, i servizi veterinari (compresi i veterinari del settore pubblico e privato) devono disporre di capacità adeguate.

Comunicazione con i governi, le organizzazioni nazionali e internazionali e l’opinione pubblica, per sensibilizzarli sulla questione del benessere degli animali – Garantire il benessere degli animali è una responsabilità che deve essere condivisa tra i numerosi soggetti interessati. Per ottenere miglioramenti sono necessari il riconoscimento reciproco e l’impegno costruttivo tra le parti. I paesi membri sono pertanto fortemente incoraggiati a sostenere lo sviluppo di programmi nazionali per sensibilizzare il benessere degli animali e educare i soggetti chiave, in particolare i proprietari di bestiame, i proprietari di animali, i leader religiosi e comunitari, e altri gruppi chiave, come gli studenti delle scuole.

L’attuazione progressiva delle norme OIE sul benessere degli animali e le relative politiche corrispondenti – Al riguardo, i paesi membri sono invitati ad integrare le norme OIE nelle loro legislazioni nazionali.

Inoltre, la Strategia raccomanda l’istituzione di un nuovo forum che fornisca una piattaforma per il dialogo tra esperti tecnici e stakeholder interessati. Questa piattaforma fornirà un’opportunità per il loro impegno nel programma di lavoro sugli animali dell’OIE.

Fonte OIE