Lo Zimbabwe importerà uova da cova dall’Europa

I produttori avicoli dello Zimbabwe potrebbero essere costretti ad importare uova da cova provenienti dall’Europa a causa delle carenze locali e regionali dovute ai diversi casi di influenza aviaria altamente patogena H5N8.

Secondo la stampa il produttore avicolo Fairhill Chickens, sta già facendo quanto necessario per importare uova da cova dall’Europa.  Il ceppo H5N8 ha già causato molti problemi in tutto il mondo a causa della migrazione degli uccelli selvatici. Il direttore generale di Fairhill Chickens, Trevor Shaw, ha dichiarato a Business Chronicle che sebbene l’importazione dall’Europa sia molto costosa, gli altri paesi della Comunità per lo Sviuppo del Sud Africa (SADC) non sono in grado di soddisfare la loro richiesta.

Abbiamo pianificato di importare uova da cova da altri paesi, in particolare europei. Il governo ha già raccolto il 40% di uova da cova da paesi non SADC e siamo ora in grado di rivolgerci all’Europa. Questo perché gli altri paesi SADC non registrano eccessi di offerta, dato che anche il Sudafrica, il più grande produttore della zona, è stato anche colpito dall’influenza aviaria. Noi riceviamo uova da cova da Zambia e Botswana ma non sono adeguate al mercato locale“.

Il direttore di Fairhill teme tuttavia che l’importazione di uova da cova possa innescare aumenti dei prezzi nei prodotti avicoli, dati che le uova europee sono più care.

Fonte The Poultry Site