L’Impossible Burger è legale?

The Impossible Burger, prodotto dalla Impossible Foods, con sede in California, è un hamburger a base vegetale con un sapore e una consistenza molto simile alla carne.

Il risultato è reso da una sostanza chiamata leghemoglobina della soia derivata dalle radici della pianta di soia, che, una volta riscaldate, rilasciano l’ “eme“, una specie di proteina a base ferrosa che ha lo scopo di emulare la sanguinosità della carne.  Impossible Burger ha avuto molto successo ed è venduto dalle principali catene di ristoranti statunitensi, tra cui il White Castle e Bareburger. Eppure, come osserva Bloomberg in una nota, la Food and Drug Administration sta “ancora valutando” se rilasciare l’approvazione ufficiale a questo prodotto.

Sarebbe ragionevole chiedersi come sia possibile vendere l’Impossibile Burger, dato che la FDA non lo ha ancora approvato. Ma di fatto il prodotto è legale, dal 2014, in base alla cosiddetta certificazione GRAS, che significa “generalmente riconosciuto come sicuro“; questo significa che un gruppo di esperti ha ritenuto la legemoglobina di soia sicure.  Nello stesso periodo la società ha avviato l’iter per chiedere alla FDA l’approvazione ufficiale.

Ma tempo gruppi come Friends of the Earth, una organizzazione ambientale senza fini di lucro, si oppongono alla “scorciatoia” GRAS e, in un comunicato stampa, la Friend of the Earth si riferisce ad Impossible Burger come “geneticamente modificato“, il che non significa ovviamente che sia pericoloso.

La FDA ha dichiarato che l’hamburger Impossible Foods non rispetta gli standard di sicurezza del governo, e che la società ha ammesso che non conosce tutti i suoi componenti. Eppure lo ha venduto a migliaia di consumatori inconsapevoli” ha poi scritto Jim Thomas della ETC Group, società che mira a proteggere il mondo da nuove tecnologie potenzialmente pericolose.

Di fatto la FDA non ha mai dichiarato che la legemoglobina di soia non sia sicura; Bloomberg quindi afferma che la FDA ha semplicemente richiesto più prove prima di prendere una decisione. E così l’Impossible Burger rimane in una strana zona franca: legale, eppure non effettivamente approvato.

Fonte modernfarmer.com