Le sfide future per il settore internazionale dei mangimi

Per il prima volta il volume mondiale totale di mangimi composti ha superato il miliardo di tonnellate, e altri 300 milioni di tonnellate sono rappresentati dai composti domestici. Secondo Ioannis Mavromichalis,editore di WATTAgNet, il settore dovrà nel prossimo futuro, affrontare una serie di sfide.

Instabilità del tasso di cambio – tipico effetto collaterale della globalizzazione, soprattutto per chi continua a dipendere da fonti esterne per la fornitura di materiali sensibili.

Disponibilità locale delle fonti proteiche – Mentre i cereali vengono prodotti quasi ovunque, le fonti proteiche hanno una produzione più regionalizzata. C’è una pressione crescente per sostituire le fonti proteiche comuni come le soia con fonti meno globalizzate.

Sicurezza e garanzia della qualità – se consumatori continueranno ad essere certi che gli animali da reddito vengono alimentati in modo sicuro e sano, avranno maggiori certezze sul consumo di prodotti animali. Lo stesso dovrebbe applicarsi ugualmente ai mangimi composti e domestici.

Il dubbio tra premix e additivi – il consolidamento di queste due industrie continuerà, perché la sfida è appena cominciata. I produttori di mangimi composti, che non sono impegnati in questa diatriba, potrebbero sentirsi costretti a prendere posizione o assorbire industrie più piccole.

OGM – un altro argomento caldo per il quale non è possibile fare previsioni. Gli Ogm saranno accettati in tutto il mondo, rendendone più facile il commercio, o continueranno ad essere utilizzati come barriere commerciali? E inoltre, costituiscono davvero una minaccia per qualcuno? Domande a cui attualmente è difficile rispondere.

Disinformazione e fake news (marketing o ricerca) – internet e la globalizzazione delle conoscenze, hanno reso facile procurarsi ogni tipo di materiale di marketing e ricerca. L’industria dei mangimi, a prescindere dalla creazione di propri istituti di ricerca, continuerà ad affrontare il crescente problema posto dal poter distinguere il vero dal falso.

Fonte WattAgNet