Le priorità sanitarie dell’USDA per l’allevamento dei broiler

Il Servizio di ricerca agroalimentare dell’Istituto Nazionale per l’alimentazione e l’agricoltura del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha consultato le parti interessate per identificare le priorità sanitarie su cui la ricerca si deve focalizzare per un allevamento ottimale dei broiler. Grazie a questa consultazione l’USDA ha identificato 5 aree prioritarie, sulle quali le agenzie vogliono avviare progetti di ricerca e studi nel corso dei prossimi cinque anni.

Coccidiosi e salute dell’intestino – Le parti interessate vorrebbero poter accedere a vaccini migliorati per prevenire e controllare i coccidi e l’enterite clostridi. Inoltre è stato espresso il desiderio di sviluppare nuovi prodotti e tecnologie per la salute intestinale, sostituire i prodotti vietati e aumentare il numero degli studi finalizzati al miglioramento della comprensione del ruolo del microbioma intestinale nella salute del pollame.

Produzione senza antibiotici – Con l’aumento dei produttori che decidono di allevare il pollame senza antibiotici, aumenta la necessità di studi imparziali che possano mettere a confronto sistemi di produzione convenzionali e sistemi antibiotic free, compreso il loro impatto sulla salute dei broiler, sui fattori ambientali e sui fattori economici che incidono sulla produzione. E’ stata inoltre individuata la necessità di avviare studi per determinare gli effetti della produzione antibiotic-free sulla qualità del pulcino e sulla mortalità precoce. Aree prioritarie sono la valutazione di alternative agli antibiotici e lo sviluppo di nuovi prodotti.

Le malattie respiratorie – E’ stata identificata l’esigenza di vaccini con protezione incrociata per la bronchite infettiva, la malattia infettiva della borsa e l’influenza aviaria. Vi è inoltre la necessità di un vaccino meno reattivo per la laringotracheite infettiva e l’esigenza di una migliore comprensione dei patogeni virali e batterici emergenti.

Sviluppo di vaccini e trattamenti farmacologici – Oltre allo sviluppo di nuovi e migliori vaccini, particolare interesse è legato ad una loro approvazione più rapida, soprattutto quando il contenimento delle malattie è prevalentemente legato alla loro somministrazione.

Malattie emergentiIstomoniasi e dermatiti cancrenose sono in aumento, e sono necessari trattamenti efficaci. Altre condizioni che necessitano di trattamenti efficaci sono l’osteomielite batterica delle zampe e l’osteomielite vertebrale.

Queste aree di intervento e ricerca sono state identificate grazie alle informazioni fornite dai professionisti della salute avicola dei settori governativi, commerciali e accademici. Chi ha partecipano alla raccolta di informazioni è d’accordo sul fatto che le cinque aree chiave coincidono con le principali preoccupazioni del settore.

Bob Smith, veterinario del NIFA, ha detto che il finanziamento per avviare queste ricerche nel prossimo anno fiscale non è ancora stato stanziato, ma ha aggiunto che il presidente Barack Obama ha sostenuto un aumento dei fondi per tale ricerca.

Fonte WattAgNet