Le principali variabili 2017 nel commercio internazionale

Il 2017 promette di essere un anno di svolta per il settore internazionale della carne, e la società londinese Euromonitor International ha messo in evidenza una serie di tendenze che potrebbero influenzare le decisioni del consumatore. Global Meat News ha esaminato quelle che potrebbero avere maggiore impatto.

Salute e wellness – Il modello sostenibile della produzione biologica degli alimenti è il fattore di maggiore interesse nel 2017, e probabilmente nel corso dell’anno appena iniziato la domanda di carne e verdure registrerà un picco nei mercati bio. Si tratta quindi di una sfida ma anche di un’opportunità per gli enti di certificazione biologica e per gli operatori del settore.

Etichettatura etica  Euromonitor International si aspetta di vedere le principali aziende di food and beverage allontanarsi dagli ingredienti artificiali, optando per alternative più naturali e pulite. Maggiore attenzione sarà posta sulla responsabilità sociale delle imprese e sull’individuazione di fonti sostenibili. Le imprese cercheranno un vantaggio competitivo attraverso le idee etiche e attraverso una maggiore trasparenza della catena di fornitura.

Flessibilità delle confezioni – La flessibilità sarà la chiave del packaging, e i marchi dovranno porre maggiore accento sulle dimensioni degli imballaggi più piccoli. La domanda di confezioni più piccole è infatti la chiave per la convenienza dei consumatori, specialmente in regioni popolose come l’India. Euromonitor suggerisce che sarà proprio l’India a guidare la crescita mondiale del settore del confezionamento.

Pagamenti cash I pagamenti in contanti perderanno sempre più terreno rispetto ai pagamenti elettronici, che potranno rappresentare una minaccia per i metodi di pagamento tradizionali, spesso utilizzati dai produttori di carne su piccola scala. Aumenteranno inoltre i sistemi finanziari elettronici che potranno raggiungere anche i consumatori dei mercati emergenti. Una vera e propria sfida unica per le imprese che non gestiscono i pagamenti elettronici. Saranno i consumatori giovani e tecnologicamente avanzati a guidare la svolta definitiva verso i pagamenti senza contanti.

Fonte Global Meat News