Le novità normative per le proteine animali nei mangimi destinati ad animali da allevamento

Sulla Gazzetta ufficiale europea L 138 del 25 maggio 2017 è stato pubblicato il Regolamento (UE) 2017/893 della Commissione, del 24 maggio 2017, che modifica gli allegati I e IV del regolamento (CE) n. 999/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio e gli allegati X, XIV e XV del regolamento (UE) n. 142/2011 della Commissione per quanto riguarda le disposizioni in materia di proteine animali.

Il regolamento (CE) n. 999/2001 reca disposizioni per la prevenzione, il controllo e l’eradicazione delle encefalopatie spongiformi trasmissibili (TSE) nei bovini, negli ovini e nei caprini. Esso si applica alla produzione e all’immissione sul mercato di animali vivi e di prodotti di origine animale e, in taluni casi specifici, all’esportazione degli stessi. L’articolo 7, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 999/2001 vieta la somministrazione ai ruminanti di proteine animali. L’articolo 7, paragrafo 2, estende tale divieto agli animali diversi dai ruminanti e limita il divieto, per quanto riguarda l’alimentazione di tali animali con prodotti di origine animale, come specificato nell’allegato IV di detto regolamento.

In diversi Stati membri è iniziato l’allevamento di insetti per la produzione di proteine animali trasformate da essi derivate e di altri derivati di insetti destinati agli alimenti per animali da compagnia. Tale produzione è effettuata nel quadro dei piani di controllo nazionali delle autorità competenti degli Stati membri. Alcuni studi hanno dimostrato che gli insetti d’allevamento potrebbero rappresentare una soluzione alternativa e sostenibile alle fonti convenzionali di proteine animali destinate all’alimentazione di animali da allevamento non ruminanti.

L’8 ottobre 2015 l’Efsa ha pubblicato un parere scientifico su un profilo di rischio connesso alla produzione e al consumo di insetti come alimenti e mangimi. Per quanto riguarda i rischi connessi alla presenza di prioni, l’EFSA conclude che, rispetto alla presenza di pericoli nelle fonti di proteine di origine animale attualmente autorizzate, il verificarsi di pericoli negli insetti non trasformati dovrebbe essere pari o inferiore, a condizione che gli insetti siano nutriti con substrati che non contengono materiale proveniente da ruminanti o di origine umana (concime). Poiché la trasformazione di insetti può ridurre ulteriormente il verificarsi di pericoli biologici, tale affermazione è valida anche quando si tratta di proteine animali trasformate derivate da insetti.

Le proteine animali trasformate derivate da insetti e i mangimi composti che le contengono dovrebbero pertanto essere autorizzati per l’alimentazione degli animali d’acquacoltura.

Per analogia con quanto già applicabile alle proteine animali trasformate derivate da animali non ruminanti e ai mangimi composti contenenti tali proteine destinati all’alimentazione degli animali d’acquacoltura, dovrebbero essere stabilite condizioni specifiche per la produzione e l’uso di proteine animali trasformate derivate da insetti al fine di evitare qualsiasi rischio di contaminazione incrociata con altre proteine che potrebbero comportare un rischio di TSE nei ruminanti.

Per questi motivi gli allegati I e IV del regolamento (CE) n. 999/2001 sono modificati conformemente all’allegato I del presente regolamento, e gli allegati X, XIV e XV del regolamento (UE) n. 142/2011 sono modificati conformemente all’allegato II del presente regolamento.

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea. Esso si applica a decorrere dal 1 luglio 2017.

Tuttavia le modifiche apportate all’allegato IV, capitolo III, sezione A, del regolamento (CE) n. 999/2001 dall’allegato I, punto 2, lettera b), punto i), del presente regolamento; e le modifiche apportate all’allegato IV, capitolo V, sezioni A, B e C, del regolamento (CE) n. 999/2001 dall’allegato I, punto 2, lettera d), punto i), del presente regolamento vengono applicate a decorrere dal 1 gennaio 2018.