Le misure eccezionali a supporto del mercato avicolo francese

Sulla Gazzetta ufficiale europea L 43 del 21 febbraio 2017 è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/295 della Commissione, del 20 febbraio 2017, relativo a misure eccezionali di sostegno del mercato nel settore delle carni di pollame in Francia.

Tra il 24 novembre 2015 e il 5 agosto 2016 la Francia ha confermato e notificato numerosi focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità appartenente al sottotipo H5. In totale, ne sono stati confermati 81 nella Francia sudoccidentale. Le specie interessate sono anatre, oche, galline ovaiole, tacchini, galli e galline della specie Gallus domesticus, galletti e polli, faraone e quaglie.

La Francia ha adottato, immediatamente e con efficienza, tutte le misure veterinarie e di polizia sanitaria necessarie, in particolare relative al controllo, monitoraggio e prevenzione della malattia, e hanno istituito zone di protezione e sorveglianza e ulteriori zone soggette a restrizioni a norma. Grazie alle suddette misure le autorità francesi sono riuscite a sradicare la minaccia.

Attraverso il presente Regolamento l’Unione europea partecipa nella misura del 50% al finanziamento delle spese incorse dalla Francia per sostenere il mercato delle carni di pollame gravemente colpito dagli 81 focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità suddetti. Le spese sono ammissibili alla partecipazione finanziaria dell’Unione solo per il periodo di applicazione delle misure veterinarie e di polizia sanitaria indicate nella legislazione unionale e francese di cui all’allegato.

Le spese sono ammissibili alla partecipazione finanziaria dell’Unione solo per gli allevamenti avicoli soggetti a misure veterinarie e di polizia sanitaria e ubicati nelle parti della Francia indicate nella legislazione unionale e in quella francese di cui all’allegato. Le spese sono ammissibili alla partecipazione finanziaria dell’Unione solo se sono versate dalla Francia ai beneficiari entro il 30 settembre 2017. Non si applica l’articolo 5, paragrafo 2, del regolamento delegato (UE) n. 907/2014.

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.