Le misure di Danish Crown per ridurre i costi

Il gigante del settore suinicolo olandese, Danish Crown, ha annunciato una serie di misure per ridurre i costi di gestione e produzione, tra cui il trasferimento di un certo numero di attività in Polonia e la sospensione della costruzione del suo nuovo quartier generale.

La società ha dichiarato che tutte queste iniziative si inseriscono all’interno di una strategia mirata al risparmio sui costi annunciata circa due anni fa, e causata dall’abbassamento dei prezzi dei suini. La strategia prevede anche la perdita di 50 posti di lavoro sul mercato nazionale.

Fino ad ora, l’obiettivo principale era ridurre il costo di acquisizione di alcuni fattori produttivi, a parte i mangimi, per un totale 76 milioni di dollari entro il 2020/2021. Ora l’obiettivo è aumentato del 30%.

Tutte le iniziative annunciate a novembre 2016 sono in corso, e la direzione di Danish Crown ha quindi deciso di compiere un ulteriore passo avanti in una serie di settori” ha dichiarato il CEO del gruppo, Jais ValeurLa nostra strategia è sottoposta ad un’analisi continua, e così abbiamo deciso di rafforzare i nostri sforzi in tre aree specifiche, poiché riteniamo che sarà possibile portare ulteriori benefici al gruppo sia a breve che a lungo termine. Non sono decisioni facili da prendere in quanto significa dire addio a un certo numero di dipendenti in diverse parti dell’organizzazione. Allo stesso tempo abbiamo deciso di annullare la costruzione della nostra nuova sede: senza dubbio una delusione per i nostri dipendenti di Randers“.

I piani per la costruzione di una nuova sede comune per Danish Crown e la sua consociata che produce carne in scatola, Tulip, erano stati resi noti un anno fa. L’idea era trasformare l’ex impianto di salsicce di Randers in un moderno edificio di 23.000 metri quadrati di superficie, ma questi piani sono stati sospesi. “Il mercato dei suini è sotto pressione a causa della differenza tra il costo di produzione e il prezzo di vendita” ha spiegato Valeur “Di conseguenza, riteniamo che non sia il momento giusto per portare avanti questo progetto. Avere una sede comune Danish Crown e Tulip Food Company ha ancora molto senso, ma non succederà nel 2020 come originariamente pianificato“.

Il direttore esecutivo del Gruppo, Preben Sunke ha spiegato che ci vorrà del tempo per ottenere i risparmi pianificati, ma l’azienda sta di certo agendo nel migliore dei modi. “Abbiamo istituito una nuova organizzazione nel ramo approvvigionamento e i nostri specialisti hanno identificato risparmi potenziali significativamente superiori rispetto a quelli originariamente stimati: non sono ovviamente risparmi realizzabili da un giorno all’altro, ma il processo ha confermato che era giusto investire in nuove competenza in materia di appalti, e questo è il motivo per cui stiamo innalzando il nostro obiettivo“.

Nei prossimi anni Danish Crown riunirà una serie di funzioni amministrative in un nuovo centro servizi aziendale globale in Polonia. Il primo passo è il trasferimento di circa 50 dipendenti da Randers a Cracovia.

Ciò porterà benefici in termini di servizio ai nostri clienti e risparmi specifici” ha continuato Sunke “Si tratta tuttavia di un’operazione complicata, ed è quindi importante che il progetto venga implementato a un ritmo che non influirà negativamente sulla nostra attività. Per questo l’intero processo richiederà da due a tre anni. Una volta implementato completamente, il trasferimento dovrebbe generare un risparmio annuale di circa 40 milioni di corone danesi, contribuendo al nostro obiettivo di base”.

Fonte Just-Food