Le joint venture tra le aziende avicole europee

La società avicola olandese Plukon ha annunciato una nuova joint-venture in Polonia, mentre alcune imprese spagnole e portoghesi si sono riunite per rafforzare le loro posizioni nella penisola iberica.
Plukon Food Group, per entrare nel mercato della Polonia, ha raggiunto un accordo di massima per una joint venture con la Wyrebski. Le due società svilupperanno insieme un macello in un nuovo sito vergine vicino a Wróblew, in Polonia.

Sono contento della futura collaborazione con la famiglia Wirebski, e spero che potremo costruire insieme una solida posizione nel mercato avicolo polacco” ha detto Peter Poortinga, CEO di Plukon Food Group “La cooperazione è in linea con la nostra strategia per diventare il quarto produttore del paese in Europa. Il mercato avicolo della Polonia, ci offre interessanti opportunità di crescita”.

L’accordo è soggetto a diverse condizioni, tra cui l’approvazione da parte delle autorità competenti. Plukon Food Gropu ha sede a Wezep, Paesi Bassi, e nei suoi 8 impianti ogni anno macella 354 milioni tra polli e tacchini. Situata a Wróblew, Wyrebski è un’azienda specializzata nella produzione di prodotti avicoli freschi e congelati di alta qualità, destinati alla ristorazione, al retail e alle industrie alimentari. Produce sia con marchio proprio che con private label. I suoi mercati principali sono la Polonia e l’Europa nord-occidentale.

Più ad occidente lo spagnolo VMR Group e il portoghese Valouro hanno deciso di unirsi per formare una nuova entità: Ibergallus. Secondo l’ultima newsletter di VerAvic, un membro del gruppo VMR, la nuova società sarà responsabile della costruzione e della gestione di un incubatorio in Spagna.

La decisione segue una serie di progetti condivisi tra le due società, e dimostra il chiaro impegno di Ibergallus verso il settore avicolo iberico.. L’unione consegnerà a VMR Group il pieno controllo del suo ciclo produttivo per ottenere la massima qualità possibile, e permetterà al gruppo di offrire ai consumatori prodotti di qualità provenienti da animali sani allevati in condizioni di benessere.
Questa fusione rappresenta un notevole investimento nel settore delle uova da cova e nelle strutture per l’allevamento, e promette nuovi posti di lavoro.

Secondo il sito web della società, VerAvic dispone di proprio mangimificio con una capacità di 800 tonnellate di alimenti di qualità al giorno e collabora con 100 professionisti, dando vita a una filiera integrata che coinvolge l’intera catena avicola, dai pulcini di un giorno ai prodotti trasformati.

Fonte The Poultry News