Le foto dei cibi su Instagram aiutano gli utenti a mangiare sano

Un nuovo studio dei ricercatori dell’Università di Washington riporta che alcune persone pubblicano su Instagram le foto dei cibi per tenere traccia di quello che mangiano o per essere ritenute a favore di un’alimentazione sana e dietetica.

Nel corso di un test che sarà presentato in occasione della CHI 2017, la Conferenza sui fattori umani nei sistemi di calcolo, che si terrà a maggio, i ricercatori hanno intervistato 16 persone che fotografano e condividono costantemente quello che mangiano su Instagram, e hanno analizzato i benefici e le sfide dell’utilizzo dei social media per raggiungere i loro obiettivi in termini di dieta e fitness. Il team di ricerca utilizzerà i risultati per delineare nuovi strumenti di supporto a favore di comportamenti sani.

Invece di utilizzare semplicemente un tradizionale quaderno o un’applicazione che richiede agli utenti di scrivere o registrare tutto ciò che mangiano, gli intervistati usano scattare foto di ciò che hanno mangiato in un giorno, dalle ciotole di frutta sana al burrito, e le condividono su Instagram utilizzando hashtags #fooddiary o #foodjournal.

Utilizzare le foto è più divertente piuttosto che prendere nota su un quaderno o digitare centinaia di parole in un’applicazione“, ha dichiarato l’autrice Christina ChungInoltre, da un punto di vista sociale, è più discreto e permette di non far capire a tutti che si sta seguendo una dieta, anche se si è a cena fuori con gli amici: tutti scattano foto e nessuno se ne meraviglia”. Inoltre, avere sotto gli occhi tutto quello che si è mangiato in un giorno, sia in termini di volume che di qualità, può aiutare le persone a individuare problemi.

Gli intervistati hanno affermato che il sostegno sociale ed emotivo degli altri utenti di Instagram li ha aiutati a rispettare i propri obiettivi, e molti si sono impegnati a fornire tale supporto ad altri. In alcuni casi, sentirsi responsabile di altri utenti ha stimolato la gente ad essere più onesta sulle proprie abitudini alimentari. Una donna che in precedenza aveva usato l’app MyFitnessPal per tenere traccia della sua dieta, ha detto che spesso si autogiustificava dicendosi che non aveva bisogno di registrare un sacchetto di patatine, dato che era minuscolo.

Visto che Instagram permette di creare account diversi per scopi diversi sotto lo stesso profilo utente, gli intervistati hanno individuato più facilmente le comunity e gli utenti con interessi simili: monitoraggio degli alimenti, perdita di peso, mangiare sano, evitando però di coinvolgere amici e familiari non erano interessati a vedere le immagini di quello che mangiavano.

Le persone hanno segnalato alcune incongruenze tra il desiderio di restare onesti su ciò che mangiavano e la riluttanza a fotografare il cibo percepito come indesiderato. Ma gli utenti che alla fine hanno raggiunto i loro obiettivi in termini di perdita di peso o di fitness hanno anche scoperto che rimanere su Instagram, e fare da mentore incoraggiando gli altri,-ha reso più facile mantenere i comportamenti desiderati e continuare ad essere consapevoli dello stato di salute raggiunto.

Fonte Science Daily