LDC acquisisce Tranzit e apre in Ungheria

Dal prossimo luglio l’azienda ungherese Tranzit Group si unirà al polo internazionale LDC grazie ad un accordo, firmato a fine maggio, che ancora attende l’approvazione dell’autorità tedesca per la concorrenza. Tranzit, infatti, destina il 60% della sua produzione all’esportazione, e di quest il 63% è diretta in Germania.

La Tranzit Group. azienda familiare, è specializzata in palmipedi, e dispone di 1 incubatoio, 2 fabbriche di prodotti alimentari, 46 aziende agricole, 1 macello per un totale di 1.400 dipendenti.  La società, con un fatturato di 108 milioni di euro l’anno, commercializza circa 1,9 milioni di oche all’anno (il 20% del mercato europeo) e 8,1 milioni di anatre Pékin. Per diversificare, ha acquisito lo scorso anno un impianto di trasformazione di polli (300.000 capi a settimana).

Akos Szabo e sua sorella Dora, figli del fondatore dell’azienda, restano comunque al comando dell’azienda conservandone inoltre il 30% del capitale.

LDC vuole fare di Tranzit una piattaforma di sviluppo per l’Ungheria e per i paesi limitrofi come Romania e Slovacchia, replicando il suo modello fatto di prodotti elaborati e marchi forti. L’obiettivo è raggiungere 130 milioni di euro in vendite entro il prossimo anno e 200 milioni nel 2021.

Con questa acquisizione e quella di altri tre macelli Vandea (Favreau e Couthouis Péridy), il gruppo LDC diventa così leader europeo per anatre e oche a partire da Francia (470.000 anatre a settimana), Polonia e Ungheria (150.000 per ciascun paese).

Fonte Réussire Avicolture