L’autorizzazione dell’acido guanidinoacetico come additivo per mangimi

Sulla Gazzetta ufficiale europea L 270 del 5 ottobre è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) 2016/1768 della Commissione, del 4 ottobre 2016, relativo all’autorizzazione dell’acido guanidinoacetico come additivo per mangimi destinati a polli da ingrasso, suinetti svezzati e suini da ingrasso e che abroga il regolamento (CE) n. 904/2009.

La sostanza, appartenente alla categoria “additivi nutrizionali” e al gruppo funzionale “aminoacidi, loro sali e analoghi” è autorizzata quale additivo destinato all’alimentazione animale a un tenore minimo di 600 e a un tenore massimo di 1.200 mg di acido guanidinoacetico per kg di mangime completo con un tasso di umidità del 12 %.

La sostanza e le premiscele che la contengono, prodotte ed etichettate prima del 25 aprile 2017 in conformità alle norme applicabili prima del 25 ottobre 2016, possono continuare a essere immesse sul mercato e impiegate fino a esaurimento delle scorte esistenti.
Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.