L’andamento mensile delle vendite al dettaglio

Secondo gli ultimi dati Istat a settembre, rispetto al mese precedente, le vendite al dettaglio sono aumentate dello 0,9% , sia in valore sia in volume. Le vendite di prodotti alimentari registrano un aumento dello 0,9% in valore e dello 0,8% in volume; aumentano anche le vendite di beni non alimentari, dell’1,0% in valore e dello 0,9% in volume.

Dal confronto con i primi nove mesi del 2016, emerge che la dinamica delle vendite al dettaglio appare ancora incerta, con una variazione tendenziale positiva dello 0,4% in valore e una diminuzione dello 0,2% in volume. In particolare le vendite di prodotti alimentari segnano un aumento dell’1,1% in valore e una diminuzione dello 0,8% in volume; le vendite di beni non alimentari registrano una variazione nulla in valore e una flessione dello 0,1% in volume.

Rispetto a settembre 2016 il valore delle vendite al dettaglio per la grande distribuzione  aumenta del 5,6%, con variazioni tendenziali positive piuttosto marcate sia per i prodotti alimentari (+5,4%) sia per quelli non alimentari (+5,8%); per le imprese operanti su piccole superfici l’aumento è dell’1,4%, con incrementi dell’1,2% per i prodotti alimentari e dell’1,4% per quelli non alimentari.

Con riferimento alla variazione tendenziale del totale registrata nel mese di settembre 2017, risulta positivo il contributo sia per i prodotti alimentari (+1,654 punti percentuali) sia per i prodotti non alimentari (+1,767 punti percentuali). Con riferimento alle forme distributive, la variazione tendenziale del totale è determinata soprattutto dalla grande distribuzione (il cui contributo è pari a +2,722 punti percentuali).

Fonte Istat