L’alimentazione della gallina sulla qualità dei gusci d’uovo

In tutto il mondo le galline sono accasate in diversi sistemi e in ogni sistema la qualità delle coperture è molto importante, ha spiegato Kayla Price, responsabile tecnico del pollame di Alltech Canada, durante il webinar dal titolo “Egg-cellent shell quality: Learn the basics” che si è svolto il 9 novembre scorso.

Kayla Price ha spiegato che lo sviluppo e la qualità delle uova possono essere influenzate già dal momento in cui le pollastre vengono collocate negli allevamenti: il sistema immunitario, lo scheletro, il sistema digestivo, sono tutti elementi necessari a produrre nel migliore dei modi. Per questo è importante gestire correttamente questa fase di crescita, anche per garantire loro una vita più lunga. “Tanto meglio si svolge il loro sviluppo migliore sarà la loro produttività”.

A circa 19 settimane di vita le ovaiole vengono spostate ed è importante sapere che questo cambiamento può essere piuttosto stressante. Saranno necessarie circa un paio di settimane affinché le ovaiole riescano a regolare la produzione e a raggiungere il loro picco; ecco perché è fondamentale assicurarsi che altri fattori che influenzano la qualità dell’uovo siano ottimali.

Con una produzione di quasi un uovo al giorno è importante garantire alle ovaiole una grande riserva di calcio non solo per sé ma anche per la buona qualità del guscio” ha sottolineato Price. L’invecchiamento della gallina inizia a circa 49 settimane, e a questo punto diventa essenziale capire come mantenerla in salute mentre continua la sua produzione. “In Canada stiamo utilizzando le ovaiole fino a 72 settimane di età, e in altri paesi, come gli USA, arrivano a 80 o 100 settimane“, ha dichiarato Price

Il controllo del livello del calcio è particolarmente importante. Il carbonato di calcio rappresenta il 94% della composizione del guscio d’uovo. Il carbonato di magnesio, le glicoproteine, le mucoproteine, il collagene e i mucopolisaccaridi costituiscono le componenti rinforzanti del guscio. “Di norma tutti pensano solo al carbonato di calcio ma è importante pensare anche agli altri componenti”.

L’assorbimento del calcio avviene attraverso due percorsi: il movimento transcellulare e la diffusione passiva paracellulare. La salute dell’intestino può influenzare il livello di assorbimento del calcio.

Anche la dimensione delle particelle di calcio svolge anche un ruolo nell’assorbimento. “Le particelle di calcio sottili sono assorbite rapidamente, mentre le particelle più grosse richiedono più tempo“, ha spiegato ancora Price. Diversi programmi di alimentazione possono prendere in considerazione entrambe le opzioni. La formazione dell’uovo avviene generalmente durante la notte, e quindi il livello di calcio disponibile deve essere prima del buio. “I produttori devono assicurarsi il giusto livello di calcio nell’alimentazione in modo che le ovaiole non debbano ridurre quello necessario al mantenimento delle proprie ossa”.

Altre sostanze nutritive come il bicarbonato, il fosforo, la vitamina D e i minerali incidono sulla colorazione, mentre l’omega-3, il selenio, le vitamine E e B all’arricchimento. “Una dieta a base di grano senza alcun tipo di colorante, come le xantofille, comporta la produzione di un uovo molto chiaro”, ha spiegato Price. Una dieta a base di mais evidenzia il giallo naturale del tuorlo”.

Ma anche altri minerali rappresentano un prezioso aiuto: il selenio è utilizzato per la protezione cellulare del tratto riproduttivo; il rame per lo sviluppo dei gusci, la formazione dei pigmenti e del collagene; il manganese è importante per la membrana del guscio d’uovo e aiuta la formazione della sua matrice organica; lo zinco contribuisce alla calcificazione di ossa e gusci.

Oltre all’alimentazione anche la gestione, l’età, l’ambiente e la salute svolgono un ruolo cruciale per la qualità delle uova.
L’elemento più importante da non trascurare è l’acqua“, ha detto Price che ha un enorme impatto sulle prestazioni, e la sua “qualità dovrebbe essere sempre verificata”.

Anche lo stress da caldo può influenzare le capacità delle ovaiole dato che potrebbe aumentare i problemi respiratori. E naturalmente il livello generale di salute è fondamentale: la salute intestinale è importante per l’assorbimento dei nutrienti, ma è importante valutare altri disturbi che potrebbero influenzare le prestazioni delle ovaiole. Per questo è importante valutare ogni tipo di intervento, non ultimo le vaccinazione.

Infine l’età può giocare un ruolo e comportare un guscio più sottile e maggiormente suscettibile di rottura.

Fonte WattAgNet