La Svezia dichiarata indenne dalla malattia di Newcastle

Lo scorso ottobre un allevamento di 18.000 galline ovaiole biologiche era stato colpito dalla malattia di Newcastle.  Ma nei giorni scorsi, in base ad un rapporto dell’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE), la Svezia è stata dichiarata nuovamente indenne da questa malattia.

Nel paese era scattata l’allerta lo scorso 11 ottobre, quando il Consiglio del Dipartimento agricolo per il benessere e la salute animale della Sveiza, aveva riferito all’OIE che 18.000 galline di una fattoria biologica di Vellinge erano state colpite dalla malattia di Newcastle. L’azienda aveva rilevato i sintomi della malattia nelle uova ma non vi erano stati decessi tra gli animali. I test effettuati presso il National Veterinary Institute hanno confermato la positività alla malattia di Newcastle.

Come misura preventiva tutte le galline presenti sono state distrutte, così come le 80 colombe che si trovavano in una colombaia a 300 metri dall’allevamento. Come di consueto presso i locali interessati, sono state effettuate tutte le azioni di disinfezione previste, che si sono concluse a novembre. E’ stata inoltre istituita una zona di protezione in un raggio di 3 chilometri e zona di sorveglianza in un raggio di 10 chilometri. Entrambe le restrizioni sono state abolite a dicembre.

Secondo l’OIE la fonte del focolaio rimane sconosciuta. Al momento, secondo quanto confermato dai funzionari di polizia sanitaria del paese, non ci sono altri casi di malattia di Newcastle.

Fonte WattAgNet