La società russa Damate vuole raddoppiare la sua produzione di carne di tacchino

E’ da molti considerato il più grande produttore di carni di tacchino della Federazione Russa: ora Damate Group ha annunciato una serie di investimenti che raddoppieranno la produzione fino a 155.000 tonnellate l’anno. L’obiettivo dovrebbe essere raggiunto entro due anni e l’investimento stimato è di circa 15,5 miliardi di rubli (270 milioni di dollari. Così come accaduto per progetti precedenti, il finanziamento viene fornito da Rosselkhozbank con un tasso agevolato del 5%, approvato dal ministero dell’agricoltura.

Grazie a questo ambizioso programma di espansione saranno ampliate sia le capacità di produzione di uova da cova sia quelle di allevamento. sarà ammodernato l’impianto di trasformazione e saranno aggiunte nuove linee produttive. Infine la capacità di stoccaggio del mangimificio arriverà a 100.000 tonnellate, e l’azienda acquisterà più terreni. Damate si aspetta che questi investimenti stimoleranno la creazione di 2.000 posti di lavoro.

Come riportato dal sito web di Damate, l’azienda è una holding agricola con sede in Russia, e occupa attualmente circa 3.500 persone. Oltre la produzione di tacchini, gli altri interessi societari riguardano la zootecnia da latte e l’industria casearia, settori in fase di forte espansione. Con il marchio Indilight, Damate produce e vende oltre 300 prodotti di carne di tacchino in 7 dei 9 distretti federali russi.

Altri importanti attori del settore russo della carne di tacchini, come Cherkizovo Group sono interessati al settore dei tacchini. Nel 2012, Cherckizovo ha avviato una partnership con la spagnola Grupo Fuertes per sviluppare Tambov Turkey, una fabbrica di produzione di carne di tacchino. L’inaugurazione è avvenuta nel 2016 e si prevede che quest’anno raggiungerà le 40.000-50.000 tonnellate di produzione.

Fonte WattAgNet