La Commissione Europea chiede alla Germania di rivedere l’IVA per gli agricoltori

L’8 marzo la Commissione europea ha deciso di inviare una lettera formale di notifica alla Germania in merito alla sua applicazione di un regime IVA specifico per gli agricoltori.

Le norme dell’UE relative all’IVA consentono agli Stati membri di applicare un regime IVA forfettario per gli agricoltori. In base a questo sistema, gli agricoltori addebitano ai loro clienti un importo standard – o “indennizzo forfettario” – per i loro prodotti e servizi agricoli, invece di applicare le normali norme IVA. A loro volta, questi agricoltori non possono chiedere un risarcimento per l’IVA che hanno già pagato. Si presume che il regime dovrebbe essere utilizzato dagli agricoltori che hanno difficoltà amministrative a seguire le normali norme IVA. Tuttavia, la Germania applica il piano forfettario per difetto a tutti gli agricoltori, compresi i proprietari di grandi aziende agricole che non hanno tali difficoltà.

Inoltre, secondo i dati del Bundesrechnungshof, l’istituto di controllo supremo tedesco, l’uso di questa aliquota forfettaria da parte degli agricoltori comporta un compenso eccessivo per l’IVA pagata a monte. Questo non è consentito dalle regole dell’UE e genera grandi distorsioni della concorrenza nel mercato interno.

Se la Germania non agirà entro i prossimi due mesi, la Commissione può inviare un parere motivato alle autorità tedesche.

Fonte Commissione europea