La colina delle uova consigliata per il sistema nervoso

L’Efsa, per la prima volta, ha definito i valori della dose giornaliera raccomandata di colina, una sostanza nutritiva poco conosciuta ma fondamentale per l’organismo umano e, secondo il British Egg Information Service, particolarmente importante per le donne in gravidanza e i neonati.

Una ricerca ha scoperto che il sistema nervoso centrale è particolarmente sensibile alla mancanza di colina, con effetti sulla struttura del cervello e del midollo spinale, oltre che sulla cognizione. Durante il secondo trimestre di gravidanza assunzioni più elevate di colina sono state associate a migliori capacità di memoria visiva dai sette anni di età.

La colina è spesso classificata con un complesso della vitamina B, dato che ha alcune funzioni simili. E’ stata ufficialmente riconosciuta come nutriente essenziale dall’Istituto di medicina statunitense (IOM) nel 1998, che ha raccomandato un apporto pari a 425 mg. Il nuovo livello di assunzione europeo (AI) è pari a 400 mg di colina al giorno.

Mediamente un uovo fornisce 144 mg di colina, quindi due uova a pasto fornirebbero circa i due terzi del consumo consigliato ad un adulto. Ad un bambino di età compresa tra 7 e gli 11 mesi un singolo uovo fornisce la quasi totalità della dose giornaliera consigliata.

Fonte The Poultry Site