La Cina preme per raggiungere migliori di livelli di benessere animale

Nel corso di una conferenza internazionale promossa dalla FAO, cui hanno partecipato oltre 400 rappresentanti di agenzie governative, organizzazioni di tutela degli animali, università e istituti di ricerca, il vice ministro dell’agricoltura cinese Yu Kangzhen ha affermato che il suo paese intende promuovere in maniera vigorosa il lavoro sul benessere animale.

Nella società moderna la promozione del benessere degli animali è diventata non solo una scelta importante per lo sviluppo verde dell’agricoltura e una misura significativa per garantire la sicurezza alimentare e un consumo sano, ma ancor più un’importante forma di cura umana. La cultura tradizionale cinese ha sempre sostenuto il concetto di allevamento e di utilizzo degli animali con un atteggiamento di amore e di apprezzamento. Essendo uno dei maggiori paesi in via di sviluppo del mondo, la Cina si dovrebbe allineare con i requisiti oggettivi tipici di uno sviluppo economico e sociale che promuova vigorosamente il lavoro sul benessere degli animali“.

Il ministro Yu ha illustrato diversi suggerimenti: stabilire norme e regolamenti tecnici sul benessere degli animali e accrescere i servizi di ispezione, valutazione e vigilanza; promuovere lo stato di diritto nella promozione del benessere degli animali; promuovere uno sviluppo sostenibile avanzato dell’allevamento animale anche in termini di benessere degli animali; avviare scambi internazionali di informazioni per comprendere le filosofie di altre nazioni.

La conferenza ha anche ospitato una sessione dedicata al benessere avicolo promossa dell’International Cooperation Committee of Animal Welfare (ICCAW) e da Compassion in World Farming (CIWF), nel corso della quale è stato assegnato il premio Chinese Good Production. Quest’anno, sono stati 29 i produttori cinesi premiati per il lavoro svolto in termini di miglioramento della qualità di broiler, ovaiole e suini. Inoltre, CIWF ha presentato il documento dal titolo “Progettare sistemi di allevamento sulla base delle caratteristiche animali e del loro benessere, e riconoscimento dei produttori che si sono impegnati ad allevare i loro animali in sistemi con livelli di benessere più elevati”.

Fonte Poultry World