La Bielorussia sostiene il settore avicolo del Mozambico

Il settore avicolo del Mozambico sembra destinato a ricevere una spinta dalla tecnologia fornita dalla Bielorussia. Il capo degli affari economici esteri presso il ministero dell’Agricoltura e dell’Alimentazione della Bielorussia, Alexei Bogdanov, ha annunciato l’investimento in occasione dell’apertura ufficiale di Prodexpo, manifestazione internazionale sull’industria alimentare che si tiene in settimana a Minsk.

Siamo in trattative per progetti comuni relativi alla la costruzione di un allevamento di polli, un magazzino di verdure, e serre per la coltivazione di ortaggi” ha spiegato Bogdanov. “E’ possibile che sarà possibile investire nel progetto, ma la maggior parte del denaro sarà fornito dal Mozambico e dal Sud Africa“.

Ma sembra che non sia solo la Bielorussia ad aver mostrato interesse verso il settore avicolo di questo paese. A seguito di un viaggio dalla Korean Rural Community Corporation (KRCC) della Corea del Sud, la delegazione ha annunciato il proprio interesse per lo sviluppo della produzione di pollo e uova, nonchè per le colture di mais e riso.

Alla fine di ottobre nella provincia centrale di Zambezia, il presidente del Mozambico Filipe Nyusi ha lanciato ufficialmente la campagna agricola per il prossimo anno. In occasione dell’evento, il presidente ha sottolineato l’importanza del pollame e delle uova, così come del mais e delle verdure, per la sicurezza alimentare nazionale. Ha anche invitato i milioni di piccoli agricoltori del paese a passare da agricoltura di sussistenza a sistemi in grado di garantire sia la sicurezza alimentare che il reddito.

Secondo il servizio statistico della FAO, nel 2013 il Mozambico ha prodotto 24.300 tonnellate di carne di pollo e 45.000 tonnellate di uova in guscio. Ma se la produzione di uova, nel corso del decennio precedente, ha seguito un costante trend positivo, la crescita della produzione di carne di pollame è stata minima e incoerente.

Fonte WattAgNet