Istat: a settembre in lieve calo le esportazioni

Secondo gli ultimi dati forni di dall’Istat, a settembre 2017, rispetto al mese precedente, si è registrata una diminuzione sia per le importazioni (-4,4%) sia, in misura più contenuta, per le esportazioni (-0,7%). Il calo congiunturale dei flussi commerciali segue forti incrementi registrati ad agosto, e si concentra su acquisti e vendite da e verso i paesi Ue.

La lieve contrazione mensile dell’export è la sintesi della flessione delle vendite verso i mercati Ue (-2,8%) e dell’aumento di quelle dell’area extra Ue (+1,9%). Solo i prodotti energetici (+5,2%) e i beni di consumo non durevoli (+0,7%) sono in espansione.

Nel trimestre luglio-settembre 2017, si rileva una crescita congiunturale delle esportazioni dell’1,1%, che coinvolge sia l’area extra Ue (+1,2%) sia l’area Ue (+1,0%). Nello stesso periodo l’import cresce dello 0,8%.

A settembre 2017 la crescita tendenziale dell’export si mantiene ampiamente positiva (+5,7%) e riguarda sia l’area extra Ue (+8,1%) sia, in misura minore, i paesi Ue (+4,0%); l’aumento dell’import (+5,5%) è determinato dall’espansione degli acquisti da entrambe le aree di sbocco (+6,0% per l’area Ue e +4,7% per l’area extra Ue).

Tra i settori che contribuiscono in misura più rilevante alla crescita tendenziale dell’export, si segnalano articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+16,7%), mezzi di trasporto, esclusi autoveicoli (+13,3%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+7,6%), articoli in pelle e simili, escluso abbigliamento (+6,6%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+6,5%).

Rispetto ai principali mercati di sbocco, si segnala la marcata crescita tendenziale delle esportazioni verso Spagna (+10,5%) e Stati Uniti (+8,3%).

Fonte Istat